L’Alzheimer è una patologia neurodegenerativa che colpisce il cervello, causando una graduale perdita delle funzioni cognitive. I sintomi dell’Alzheimer possono variare notevolmente da individuo a individuo e tendono a peggiorare nel tempo. È caratterizzata dalla degenerazione del tessuto cerebrale, con perdita di cellule nervose e dall’accumulo di una proteina anomala chiamata beta-amiloide, oltre allo sviluppo di intrecci neurofibrillari.

Uno dei segni precoci della malattia di Alzheimer è la difficoltà nel ricordare eventi recenti, seguito da un incremento della confusione mentale, alterazioni delle altre funzioni cognitive e problemi nell’uso e comprensione del linguaggio, nonché nell’esecuzione delle attività quotidiane. Nel corso del tempo, la malattia progredisce, rendendo le persone incapaci di svolgere normali attività e dipendenti dagli altri per le loro necessità.

La malattia di Alzheimer rappresenta il 60-80% dei casi di demenza nelle persone anziane e diventa più comune con l’avanzare dell’età. Negli Stati Uniti, si stima che il 10% delle persone di età pari o superiore a 65 anni sia affetto da tale malattia. La sua prevalenza aumenta significativamente con l’aumentare dell’età, con il 32% delle persone di età pari o superiore a 85 anni colpite.

Alzheimer sintmoi e cause

Le donne sono più colpite rispetto agli uomini, in parte dovuto alla loro maggiore longevità. Si prevede che il numero di persone con malattia di Alzheimer aumenterà notevolmente a causa dell’aumento della popolazione anziana.

Cause e Genetica

Le cause della malattia di Alzheimer non sono ancora completamente comprese, ma il fattore genetico gioca un ruolo significativo. Circa il 5-15% dei casi ha una componente ereditaria e possono essere coinvolti diversi geni specifici. Alcune di queste forme ereditarie sono dominanti, e un genitore affetto ha il 50% di probabilità di trasmettere il gene anomalo ai figli. Alcuni geni influenzano il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer senza essere dominanti, come ad esempio l’alterazione del gene apolipoproteina E (apo E).

Tuttavia, i test genetici per l’apo E non possono predire con certezza se una persona svilupperà la malattia. Altri fattori di rischio, come pressione arteriosa elevata, diabete, alti livelli di colesterolo e fumo, possono aumentare il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer. Il trattamento tempestivo di questi fattori di rischio può contribuire a ridurre il declino mentale in età avanzata.

Cambiamenti Cerebrali e Anomalie Proteiche

La malattia di Alzheimer comporta il decadimento di alcune parti del cervello, portando alla distruzione delle cellule nervose e alla diminuzione dell’attività dei neurotrasmettitori, i messaggeri chimici che trasmettono i segnali tra le cellule nervose. Il neurotrasmettitore acetilcolina, coinvolto nella memoria, nell’apprendimento e nella concentrazione, si riduce significativamente nella malattia di Alzheimer.

Nel tessuto cerebrale dei pazienti affetti dalla malattia si sviluppano diverse anomalie, come i depositi di beta-amiloide, placche neuritiche e intrecci neurofibrillari. Queste anomalie, anche se in una forma più lieve, si presentano comunque in tutte le persone con l’avanzare dell’età, ma sono particolarmente frequenti nei soggetti colpiti da Alzheimer. Tuttavia, non è ancora chiaro se tali anomalie siano la causa o il risultato della malattia di Alzheimer.

L’infiammazione cerebrale può anche contribuire allo sviluppo della malattia di Alzheimer, essendo stata osservata nel cervello dei pazienti affetti. I ricercatori hanno notato somiglianze tra le proteine anomale presenti nella malattia di Alzheimer e quelle presenti nelle malattie dei prioni, con l’accumulo di proteine insolubili che possono causare il progredire della malattia.

In conclusione, la malattia di Alzheimer rappresenta un serio problema di salute pubblica, con un impatto significativo sulla qualità della vita dei pazienti e delle loro famiglie. Continuare la ricerca su questa patologia è essenziale per sviluppare trattamenti più efficaci e per contrastare l’aumento della sua incidenza con l’invecchiamento della popolazione.

Sintomi della malattia di Alzheimer

Alcuni dei sintomi più comuni associati a questa malattia includono:

  • Perdita di memoria a breve termine: Le persone affette da Alzheimer trovano difficoltà nel ricordare eventi recenti o trattenere nuove informazioni nella memoria.
  • Difficoltà nella capacità decisionale: Sono evidenti difficoltà nel prendere decisioni, pianificare attività quotidiane o risolvere problemi.
  • Confusione e disorientamento: Le persone con Alzheimer possono sperimentare confusione riguardo al tempo e allo spazio, perdendo il senso di luoghi familiari e momenti specifici.
  • Problemi di linguaggio: Le persone colpite possono avere difficoltà a trovare le parole giuste, seguire una conversazione o esprimersi in modo chiaro.
  • Cambiamenti nel comportamento e nell’umore: L’Alzheimer può causare cambiamenti comportamentali, come irritabilità, ansia, depressione o apatia.
  • Difficoltà nell’esecuzione di attività quotidiane: Le persone possono avere difficoltà a svolgere attività che un tempo erano familiari, come vestirsi o preparare i pasti.
  • Perdita di oggetti personali: Le persone possono smarrire oggetti personali o collocarli in luoghi insoliti.
  • Ridotta capacità di giudizio: L’Alzheimer influisce sulla capacità di valutare situazioni o prendere decisioni consapevoli.
  • Cambiamenti nella personalità: Si possono notare cambiamenti nell’atteggiamento emotivo e nella personalità delle persone affette da Alzheimer.
  • Difficoltà nel riconoscere volti familiari: Le persone possono avere problemi nel riconoscere volti di familiari o amici.

È fondamentale sottolineare che la presenza di alcuni di questi sintomi non è necessariamente indicativa di Alzheimer, poiché possono essere causati anche da altre condizioni mediche. In caso di sospetta presenza di Alzheimer o altre malattie cognitive, è essenziale consultare un medico per una valutazione accurata e una diagnosi appropriata.

Alzheimer cure e trattamento

La Perdita di Memoria che Incide sulla Vita Quotidiana

La perdita di memoria è uno dei segnali distintivi del morbo di Alzheimer, soprattutto riguardo alle informazioni apprese di recente. Le persone possono dimenticare date o eventi importanti e chiedere ripetutamente le stesse informazioni. Inoltre, possono dipendere sempre di più da strumenti di aiuto alla memoria, come promemoria scritti o dispositivi elettronici, o da membri della famiglia per gestire attività che in passato eseguivano autonomamente.

Sfide nella Pianificazione e Risoluzione dei Problemi

Le persone affette da Alzheimer possono riscontrare difficoltà nello sviluppo e nel seguire un programma o nel lavorare con numeri. Possono avere problemi a ricordare una ricetta che conoscevano, a gestire il bilancio familiare o a ricordare le regole di un gioco preferito. Queste difficoltà possono portare a una maggiore dispersione mentale e a tempi di esecuzione più lunghi per le attività quotidiane.

Difficoltà nell’Espletamento degli Incarichi Familiari, Lavorativi e Ricreativi

Le persone con Alzheimer possono avere problemi nel portare a termine le attività quotidiane, come guidare verso luoghi familiari, gestire il lavoro o ricordare i dettagli di un hobby. Queste sfide possono compromettere la loro capacità di gestire responsabilità familiari, lavorative e sociali, portando a una graduale perdita di indipendenza.

Confusione riguardo al Tempo e al Luogo

Le persone con Alzheimer possono perdere il senso delle date, delle stagioni e del passare del tempo. Potrebbero avere difficoltà a comprendere situazioni che non si verificano immediatamente, dimenticare dove si trovano o come siano arrivati in quel luogo.

Difficoltà nel Comprendere Immagini Visive e Rapporti Spaziali

Alcune persone con Alzheimer possono sperimentare problemi visivi, come difficoltà nella lettura, nel giudicare le distanze e nel riconoscere colori o contrasti. In termini di percezione, possono scambiarsi con un’altra persona riflessa in uno specchio, non riconoscendo se stesse come la persona che osservano.

Problemi di Comunicazione Verbale e Scritta

Le persone con Alzheimer possono avere difficoltà a seguire o partecipare a una conversazione. Possono interrompersi a metà di una frase senza sapere come continuare o ripetere le stesse parole. Potrebbero faticare a trovare le parole giuste o chiamare le cose con nomi sbagliati.

Perdita di Oggetti Personali e Difficoltà nel Retrocedere sui Propri Passi

Le persone con Alzheimer possono lasciare oggetti in luoghi insoliti e non essere in grado di rintracciarli in seguito. Potrebbero accusare gli altri di aver rubato gli oggetti smarriti. Col passare del tempo, tali situazioni possono diventare sempre più frequenti.

Ridotta Capacità di Giudizio e Decisionale

Le persone con Alzheimer possono manifestare cambiamenti nel giudizio o nell’assunzione di decisioni. Ad esempio, possono avere un peggioramento nella gestione del denaro, donando somme ingenti a truffatori al telefono. Potrebbero prestare meno attenzione all’igiene personale e alla cura di sé stessi.

Ritiro da Attività Sociali e Lavorative

Le persone con Alzheimer possono mostrare un progressivo disinteresse verso hobby, attività sociali o impegni lavorativi. Possono avere difficoltà a seguire gli avvenimenti sportivi o a ricordarsi come svolgere attività ricreative preferite. Di conseguenza, possono evitare situazioni sociali a causa dei cambiamenti che stanno sperimentando.

Cambiamenti di Umore e Personalità

Le persone con Alzheimer possono sviluppare modi di fare particolari e irritarsi quando le loro routine vengono interrotte. Questi cambiamenti comportamentali possono essere indicativi della progressione della malattia.

Lo Stadio Avanzato

Man mano che la malattia di Alzheimer avanza, si manifestano difficoltà nel ricordare eventi passati, con la perdita dei nomi di amici e familiari. L’assistenza diventa necessaria per svolgere attività quotidiane come mangiare, vestirsi, lavarsi o andare in bagno. Il senso di orientamento spazio-temporale viene completamente perso, e le persone affette possono addirittura smarrirsi in casa, persino nel raggiungere il bagno. Lo stato confusionale aumenta e comportamenti distruttivi o inadatti, come vagabondaggio, agitazione, irritabilità, ostilità e aggressione fisica, diventano comuni.

Nella fase terminale, le persone con malattia di Alzheimer non sono più in grado di camminare o prendersi cura di sé stesse. Possono sperimentare incontinenza e perdita della capacità di deglutire, mangiare o parlare. Queste variazioni rendono i pazienti vulnerabili alla denutrizione, polmonite e piaghe da decubito. Si instaura una forma di amnesia totale, culminando infine in coma e morte, spesso a seguito di infezioni.

Disturbi del Comportamento nella Malattia di Alzheimer

Poiché le persone affette hanno minore controllo sul proprio comportamento, talvolta si esprimono in modo inappropriato o distruttivo, ad esempio gridando, lanciando oggetti, colpendo o vagabondando. Queste azioni sono definite disturbi comportamentali e sono influenzate da vari effetti della malattia di Alzheimer:

  • Difficoltà nel comprendere le regole sociali può portare a comportamenti inappropriati in pubblico, come spogliarsi o assumere comportamenti sessuali inappropriati.
  • Difficoltà nell’interpretare ciò che vedono o sentono può far sì che persone affette malintendano offerte di aiuto e diventino aggressive in risposta a quello che percepiscono come un attacco.
  • Danno alla memoria a breve termine implica ripetizioni di domande e richieste costanti, poiché dimenticano ciò che è stato appena detto loro.
  • Difficoltà nell’esprimere le proprie esigenze può portare a comportamenti come urlare o vaneggiare quando ci si sente sole o spaventate.

La progressione della malattia è imprevedibile, con un’aspettativa media di vita di circa 7 anni dalla diagnosi. La maggior parte delle persone con malattia di Alzheimer e incapaci di camminare non sopravvive oltre i 6 mesi, ma il tempo di sopravvivenza varia notevolmente.

Diagnosi della malattia di Alzheimer

La diagnosi della malattia di Alzheimer è simile a quella di altre forme di demenza e si basa su una valutazione medica, esame dello stato mentale, analisi del sangue e, talvolta, diagnostica per immagini. L’esame dello stato mentale aiuta a stabilire se il paziente soffra di demenza e se essa sia dovuta alla malattia di Alzheimer.

L’analisi del liquido cerebrospinale (LCS) e la tomografia ad emissione di positroni (PET) possono aiutare a diagnosticare la malattia di Alzheimer, ma la conferma definitiva avviene solo tramite l’esame microscopico di un campione di tessuto cerebrale ottenuto tramite autopsia. Inoltre, la perdita di cellule nervose, gli intrecci neurofibrillari e le placche neuritiche contenenti beta-amiloide possono essere osservati nel cervello dei pazienti, soprattutto nel lobo temporale coinvolto nella formazione dei ricordi.

Trattamento della Malattia di Alzheimer

Il trattamento della malattia di Alzheimer coinvolge misure di sicurezza e sostegno generale, come nella gestione di altre forme di demenza. Inoltre, l’uso di alcuni farmaci può essere utile per un certo periodo di tempo. La scelta della strategia di trattamento più adatta deve essere discussa e decisa dalla persona affetta dalla malattia, dai familiari, dagli assistenti e dagli operatori sanitari coinvolti.

Nel trattamento della malattia di Alzheimer, è importante prendersi cura del dolore e di altri disturbi di salute, come infezioni delle vie urinarie o stitichezza. Un trattamento adeguato può aiutare a mantenere le capacità funzionali nelle persone affette da demenza.

Creare un ambiente sicuro e di supporto è di grande aiuto. Un ambiente luminoso, allegro, stabile e orientato può essere utile, evitando al contempo stimoli eccessivi. La struttura e le routine aiutano a stabilizzare le persone affette da malattia di Alzheimer, offrendo loro un senso di sicurezza. Ogni cambiamento nell’ambiente, nelle abitudini o negli assistenti deve essere spiegato in modo chiaro e semplice.

Seguire una programmazione di attività quotidiane, come lavarsi, mangiare e dormire, aiuta le persone affette da malattia di Alzheimer a ricordare. Una routine regolare al momento di coricarsi può migliorare la qualità del sonno. Le attività programmate in modo regolare possono far sentire le persone più indipendenti e necessarie, offrendo loro compiti utili o piacevoli, che includono attività fisiche e mentali. Quando la demenza si aggrava, le attività devono essere suddivise in parti più piccole o semplificate.

Alcuni farmaci utilizzati sono gli inibitori della colinesterasi (donepezil, galantamina e rivastigmina), che aumentano il livello di acetilcolina nel cervello, un neurotrasmettitore coinvolto nella memoria, apprendimento e concentrazione. Questi farmaci possono migliorare temporaneamente la funzione mentale, inclusa la memoria, ma non rallentano la progressione della malattia. Non tutti i pazienti affetti traggono benefici da questi farmaci, ma in quelli che rispondono positivamente, si può ottenere un miglioramento della condizione presente 6-9 mesi prima. Sono particolarmente efficaci nelle fasi lievi a moderate della malattia. Gli effetti collaterali comuni includono nausea, vomito, perdita di peso e dolore addominale o crampi.

La memantina può essere utile per alleviare i sintomi nelle fasi moderate a gravi della malattia di Alzheimer e può essere usata insieme agli inibitori della colinesterasi.

Un farmaco più recente, l’aducanumab, è stato sviluppato per attaccare la beta-amiloide (una proteina anomala) che si accumula nel cervello delle persone affette da malattia di Alzheimer. Gli studi hanno dimostrato che può ridurre il numero di placche di beta-amiloide nel cervello. Sebbene possa avere il potenziale per rallentare la progressione della malattia, sono necessarie ulteriori evidenze per dimostrare i suoi effetti benefici e valutare gli eventuali effetti collaterali, come il gonfiore e il sanguinamento cerebrale.

Altri farmaci e terapie sono stati studiati per prevenire o rallentare la progressione della malattia di Alzheimer, come l’uso di estrogeni per le donne o farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e ginkgo biloba. Tuttavia, la loro efficacia non è stata confermata e alcuni di essi possono persino avere effetti negativi.

Gli assistenti che si occupano di persone affette da malattia di Alzheimer possono sperimentare stress e affaticamento, spesso tralasciando la propria salute mentale e fisica. È fondamentale fornire supporto agli assistenti e consigliarli su come soddisfare appieno le necessità delle persone affette e prevenire comportamenti distruttivi. Gruppi di sostegno e consulenze psicologiche possono essere utili.

Assistenza a Lungo Termine

Poiché la malattia di Alzheimer progredisce, è essenziale pianificare per il futuro. Le famiglie devono considerare le opzioni per un’assistenza a lungo termine e pianificare il trasferimento della persona affetta in un ambiente più strutturato e di supporto. Questa pianificazione coinvolge medici, assistenti sociali, infermieri e avvocati, ma i familiari devono assumersi le principali responsabilità.

Decisioni per la Fase Terminale

Prima che la malattia peggiori troppo, è opportuno che la persona affetta dalla malattia di Alzheimer prenda decisioni relative all’assistenza medica e alle questioni legali ed economiche. Le dichiarazioni anticipate di trattamento possono essere utilizzate per nominare un delegato sanitario che prenda decisioni al loro posto riguardo al trattamento. Queste decisioni devono essere discusse in anticipo con i medici e il delegato sanitario designato.



Ecco come garantire un corretto lavaggio nasale al neonato: l'importanza dell'igiene delle cavità nasali nel neonato.