Uno studio, recentemente pubblicato sulla rivista European Heart della Società Europea di Cardiologia (ESC), afferma che la carne rossa non processata, i cereali integrali e i latticini integrali possono far parte di una dieta equilibrata.

Condotta in 80 paesi distribuiti su tutti i continenti, questa ricerca collega le diete che attribuiscono maggior importanza a frutta, verdura, noci, legumi e pesce, così come ai latticini (principalmente quelli integrali), a un minor rischio di malattie cardiovascolari e morte prematura. Inoltre, il risultato dell’inclusione di carne rossa non processata o cereali integrali ha un impatto limitato sui risultati, secondo una dichiarazione dell’ESC.

Una dieta salutare può includere carne rossa e latticini, lo dice anche la scienza

L’autore dello studio, Andrew Mente, dell’Istituto di Ricerca sulla Salute della Popolazione dell’Università McMaster di Hamilton, Canada, afferma che il pubblico, l’industria alimentare e i responsabili decisionali si sono concentrati sugli alimenti a basso contenuto di grassi, con l’etichettatura nutrizionale che enfatizza la riduzione dei grassi e dei grassi saturi. Tuttavia, il lavoro “suggerisce che la priorità dovrebbe essere l’aumento degli alimenti protettivi, come noci (…), pesce e latticini, anziché limitare i prodotti lattiero-caseari (soprattutto quelli integrali) a quantità molto basse”, come riportato nella dichiarazione. “I risultati mostrano che fino a due porzioni giornaliere di latticini, principalmente integrali, possono essere incluse in una dieta salutare” e che questi prodotti lattiero-caseari “possono proteggere dall’ipertensione e dalla sindrome metabolica”.

Lo studio analizza le relazioni tra la dieta, valutata su sei alimenti associati alla longevità, e i risultati di salute della popolazione globale, tra cui mortalità, infarti, ictus e malattie cardiovascolari. La dieta PURE prevede l’assunzione quotidiana di 2-3 porzioni di frutta e 2-3 porzioni di verdura, oltre a 3-4 porzioni settimanali di legumi, 7 porzioni di noci, 2-3 porzioni di pesce e 14 porzioni di latticini (principalmente integrali, escludendo burro o panna montata).
L’analisi ha esaminato le relazioni tra un nuovo punteggio dietetico e gli esiti sulla salute all’interno di una popolazione mondiale. Un punteggio dietetico sano è stato definito basandosi su sei alimenti, ognuno dei quali è stato correlato alla longevità. Il programma alimentare PURE prevede un’assunzione giornaliera di 2-3 porzioni di frutta e 2-3 porzioni di verdura, insieme a 3-4 porzioni settimanali di legumi, 7 porzioni settimanali di noci, 2-3 porzioni settimanali di pesce e 14 porzioni settimanali di prodotti lattiero-caseari (soprattutto integrali, ma escludendo burro o panna montata).

Un punteggio di 1 (salutare) è stato attribuito per il consumo superiore alla mediana all’interno del gruppo, mentre un punteggio di 0 (non salutare) è stato assegnato per il consumo pari o inferiore alla mediana, con un punteggio massimo di 6. “I partecipanti che si collocavano nella metà superiore della popolazione – un livello raggiungibile – per ciascuna delle sei componenti alimentari ottennero il punteggio massimo, pari a sei”, spiegò il dottor Mente. Nello studio PURE, che ha coinvolto 147.642 individui rappresentativi della popolazione generale di 21 paesi, sono state valutate le associazioni tra il punteggio e la mortalità, gli infarti, gli ictus e le CVD complessive (includevano CVD fatali e infarti non fatali, ictus e insufficienza cardiaca).

La media del punteggio dietetico è stata di 2,95″ e “durante un follow-up medio di 9,3 anni, si sono verificati 15.707 decessi e 40.764 casi di malattie cardiovascolari

Le analisi sono state corrette per tenere conto dei fattori che potrebbero influenzare le relazioni, come età, genere, rapporto vita-fianchi, livello d’istruzione, reddito, residenza urbana o rurale, attività fisica, tabagismo, diabete, utilizzo di statine o farmaci antipertensivi e apporto calorico totale. La media del punteggio dietetico si è attestata a 2,95. Durante un periodo medio di osservazione di 9,3 anni, si sono verificati 15.707 decessi e 40.764 eventi cardiovascolari.

Comparata a una dieta meno salutare (con punteggio pari o inferiore a 1), una dieta più sana (con punteggio pari o superiore a 5) è stata associata a un rischio inferiore di morte del 30%, a una probabilità ridotta dell’18% di CVD, a un rischio minorato del 14% di infarto miocardico e a un ridotto rischio del 19% di ictus. Le correlazioni tra il punteggio di una dieta salutare e i risultati ottenuti sono state confermate da cinque studi indipendenti, che hanno coinvolto complessivamente 96.955 pazienti affetti da CVD in 70 paesi. Il dottor Mente ha dichiarato: “Questo studio rappresenta indubbiamente la più varia indagine mai condotta sui risultati legati alla nutrizione e alla salute a livello globale, ed è l’unico ad avere una rappresentanza sufficiente

Una dieta più salutare (con un punteggio di 5 o superiore) è stata associata a un rischio di morte inferiore del 30%, a una probabilità di malattia cardiovascolare più bassa dell’18%, a un rischio di infarto inferiore del 14% e a un rischio di ictus inferiore del 19% rispetto a una dieta meno salutare (con un punteggio di 1 o inferiore).

Andrew Mente sottolinea che questo studio è “senza dubbio lo studio più diversificato sulla nutrizione e i risultati di salute a livello globale, e l’unico con una rappresentazione sufficiente di paesi a reddito alto, medio e basso“.

Tenendo presente che “le associazioni sono state più forti nelle aree con una dieta di bassa qualità, tra cui il sud dell’Asia, la Cina e l’Africa, dove l’apporto calorico era basso e dominato da carboidrati raffinati”, Salim Yusuf, ricercatore principale del progetto PURE, fa notare che ciò “suggerisce che una grande proporzione di morti e malattie cardiovascolari negli adulti di tutto il mondo può essere attribuita alla malnutrizione, cioè a un basso apporto di energia e alimenti protettivi, e non all’eccesso di cibo”, sfidando così le convinzioni attuali.

Secondo Dariush Mozaffarin, della Friedman School of Nutrition Science and Policy dell’Università Tufts di Boston (Stati Uniti), i risultati di questo studio “richiedono una rivalutazione delle linee guida rigide per evitare i latticini integrali”.

Le scelte alimentari a basso contenuto di grassi sono state al centro dell’attenzione sia del pubblico che dell’industria alimentare, oltre che degli stakeholders politici, con le etichette nutrizionali incentrate sulla riduzione di grassi e grassi saturi”, ha dichiarato il capo dello studio, il dottor Andrew Mente dell’Istituto di Ricerca sulla Salute della Popolazione dell’Università McMaster, situato a Hamilton, Canada. “I nostri risultati suggeriscono che l’attenzione dovrebbe essere posta sulla promozione di alimenti protettivi come noci (spesso evitate per il loro alto apporto calorico), pesce e latticini, piuttosto che sulla limitazione dei latticini (soprattutto integrali) a quantità molto basse. Le nostre conclusioni dimostrano che fino a due porzioni giornaliere di latticini, soprattutto integrali, possono essere integrate in un regime alimentare sano. Questo è allineato con le scoperte attuali della scienza nutrizionale che evidenziano come i latticini, specialmente quelli integrali, possano contribuire a proteggere dall’ipertensione e dalla sindrome metabolica.



Ecco come garantire un corretto lavaggio nasale al neonato: l'importanza dell'igiene delle cavità nasali nel neonato.