È il momento del bilancio per coloro che, costantemente incapaci di concentrarsi e afflitti da una sensazione di confusione mentale, si chiedono se possano soffrire di disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) e se la soluzione sia rappresentata dai farmaci.

Prima di pensare ai farmaci, è essenziale capire se si tratta effettivamente di ADHD o se sono altri i fattori che possono distrarvi. Lo stress, la mancanza di sonno, l’ansia o la depressione possono tutti causare problemi di concentrazione, richiedendo trattamenti specifici per ciascuno di essi.

Se hai difficoltà a concentrarti a scuola, sul lavoro o nella tua vita quotidiana, potresti soffrire di ansia, depressione, disturbi del sonno, ADHD o essere sotto stress. Poiché ci possono essere diverse ragioni per cui incontri difficoltà a concentrarti, è consigliabile analizzare i tuoi sintomi e ricevere una diagnosi da un operatore sanitario prima di iniziare un trattamento farmacologico per l’ADHD. Una volta ottenuta la diagnosi, un professionista della salute ti guiderà nel percorso di trattamento.

Approfondisci le cause della tua incapacità di concentrarti e scopri come trattarle

Approfondisci le cause dell’incapacità di concentrarti e scopri come trattarle

Se non soffri di ADHD ma riscontri comunque difficoltà a mantenere la concentrazione, cambiamenti nello stile di vita come l’uso di un calendario, la creazione di liste e il mantenimento di una routine potrebbero essere d’aiuto. Se i tuoi sintomi non migliorano, rivolgiti a un operatore sanitario per ottenere indicazioni.

I disturbi del sonno comprendono problemi legati alla qualità, al momento e alla quantità del sonno, causando disagio diurno e compromissione del funzionamento. Spesso coesistono con condizioni mediche o di salute mentale come depressione, ansia o disturbi cognitivi; si manifestano in vari tipi, con l’insonnia come la più diffusa. Altri disturbi del sonno includono apnea ostruttiva del sonno, parasonnie, narcolessia e sindrome delle gambe senza riposo.

Problemi fisici ed emotivi sono intrecciati alle difficoltà del sonno, con i disturbi del sonno che agiscono come contribuenti o aggravanti delle condizioni di salute mentale e fungono anche da sintomi di altri disturbi mentali.

Circa un terzo degli adulti riporta sintomi d’insonnia, con il 6-10 percento che soddisfa i criteri per il disturbo d’insonnia.

Il sonno riveste un’importanza cruciale per il benessere fisico e mentale. Comprende due tipi principali: il movimento rapido degli occhi (REM), durante il quale si verificano la maggior parte dei sogni, e il non-REM, che comprende tre fasi, tra cui il sonno più profondo. Il momento del sonno segue un ritmo circadiano, un ciclo di 24 ore che indica quando il corpo segnala la necessità di riposo.

La quantità consigliata di sonno varia con l’età e da persona a persona. Secondo la National Sleep Foundation, la maggior parte degli adulti ha bisogno di sette a nove ore di sonno riposante ogni notte. Tuttavia, un numero considerevole di individui non raggiunge questa raccomandazione. Circa il 30 percento degli adulti dorme meno di sei ore per notte e solo circa il 30 percento degli studenti delle scuole superiori raggiunge almeno otto ore in una notte scolastica media. Circa il 35 percento degli americani valuta la qualità del sonno come “scarsa” o “appena sufficiente”.

Se non si sospetta l’ADHD ma la difficoltà di concentrazione persiste, cambiamenti nello stile di vita potrebbero rappresentare una soluzione. In caso di mancato miglioramento, è consigliabile consultare un professionista sanitario.

Analisi dei Sintomi

Per individuare la causa dei sintomi, è necessario riflettere su quando essi hanno avuto inizio e su come si manifestano. Se i sintomi sono iniziati di recente, è più probabile che siano dovuti a un aumento dello stress o a una mancanza di sonno. Se si ha difficoltà a dormire, potrebbero anche manifestarsi sintomi di depressione e ansia.

La depressione può ostacolare la capacità di concentrazione, e potreste soffrirne se, oltre alla difficoltà nel concentrarvi, presentate sintomi come tristezza, malinconia, mal di testa, difficoltà nella presa di decisioni, disturbi del sonno, cambiamenti nell’appetito e pensieri suicidi. Se questi sintomi perdurano per almeno due settimane, potrebbe essere la depressione la causa della vostra incapacità di concentrarvi.

Un disturbo d’ansia può manifestarsi con stanchezza, irritabilità, mal di testa, difficoltà nel sonno, inquietudine e agitazione.

Sintomi di ADHD

I sintomi dell’ADHD di solito iniziano in tenera età, intorno ai 3 anni. Tuttavia, per una diagnosi negli adulti, è necessario che i sintomi siano presenti prima dei 12 anni. Se avete costanti difficoltà di concentrazione che influiscono sulla vostra vita quotidiana, potreste soffrire di ADHD, caratterizzato da sintomi di incapacità di controllare gli impulsi, irrequietezza, e problemi nelle relazioni e al lavoro.

Per ottenere una diagnosi accurata, data la somiglianza tra i sintomi dell’ADHD, lo stress, i disturbi del sonno, l’ansia e la depressione, è fondamentale rivolgersi a un professionista sanitario. Anche se l’ADHD viene comunemente diagnosticato in età infantile, potrebbe esserci stata una diagnosi errata in passato, ritardando il trattamento.

Per diagnosticare l’ADHD, i fornitori di assistenza sanitaria utilizzano il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, quinta edizione (DSM-5) dell’Associazione Psichiatrica Americana. Gli adulti devono presentare almeno cinque sintomi di inattenzione e/o almeno cinque sintomi di iperattività-impulsività in due o più contesti, interferendo con la vita quotidiana e precedenti al compimento dei 12 anni.

Se la diagnosi è ADHD, è il momento di valutare le opzioni di trattamento: farmaci, psicoterapia e cambiamenti nello stile di vita.

Farmaci e terapia

Un professionista sanitario potrebbe consigliare stimolanti, farmaci che aumentano dopamina e norepinefrina nel cervello, o non-stimolanti, a seconda dell’efficacia e degli effetti collaterali. I farmaci possono migliorare la concentrazione, ma la decisione richiede attenzione, poiché possono causare effetti collaterali come insonnia o irritabilità.

Anche con i farmaci, molti adulti con ADHD necessitano di terapie mirate per imparare a gestire il tempo, prioritizzare i compiti e organizzarsi. Tra le terapie utilizzate vi sono la terapia comportamentale, cognitivo-comportamentale e familiare o coniugale.

Modifiche nello stile di vita possono facilitare l’organizzazione e il mantenimento della concentrazione, come gestire lo stress, assicurarsi di dormire a sufficienza, unirsi a gruppi di supporto e adottare routine, liste e calendari.

Le modifiche dello stile di vita possono rendere più facile per le persone con ADHD organizzare la propria vita e rimanere concentrate. Ciò può includere: trovare modi per gestire lo stress, assicurarsi di dormire a sufficienza, unirsi a un gruppo di supporto, mantenere una routine, creare liste per compiti e attività, utilizzare un calendario per pianificare eventi e suddividere compiti impegnativi in compiti più piccoli. Se non pensi di avere l’ADHD e non riesci comunque a capire perché incontri difficoltà di concentrazione, puoi provare anche cambiamenti nello stile di vita per vedere se i tuoi sintomi migliorano. Se i sintomi non migliorano, parla con un operatore sanitario.

Avanti

Prosegui la lettura navigando con i tasti avanti e indietro. Questo contenuto è stato suddiviso in 3 pagine.



Ecco come garantire un corretto lavaggio nasale al neonato: l'importanza dell'igiene delle cavità nasali nel neonato.