La cianosi, un sintomo che si manifesta con una colorazione bluastro-violacea della pelle e delle mucose, è un segnale di una carenza di ossigeno nel sangue. Tale condizione può insorgere improvvisamente, accompagnata da altri sintomi, o svilupparsi nel tempo senza segni evidenti o particolari.

La cianosi è causata da diverse condizioni mediche, tra cui:

  • Insufficiente apporto di ossigeno ai polmoni: patologie come bronchite cronica, grave asma, fibrosi cistica o insufficienza respiratoria possono limitare l’arrivo di ossigeno ai polmoni.
  • Mancanza di ossigeno nel sangue: problemi cardiaci come cardiopatie congenite, insufficienza cardiaca o malformazioni del cuore possono interferire con la corretta ossigenazione del sangue.
  • Difficoltà nel trasporto dell’ossigeno nel sangue: condizioni come anemia grave, in cui la quantità di emoglobina responsabile del trasporto dell’ossigeno è ridotta, possono influire sulla distribuzione dell’ossigeno nei tessuti.

La presenza di cianosi può indicare una condizione medica grave e richiedere un immediato intervento medico. Oltre alla colorazione bluastra della pelle, possono essere presenti sintomi come respiro affannoso, confusione, vertigini, debolezza o svenimento.

Il trattamento della cianosi dipende dalla causa sottostante e può includere l’apporto supplementare di ossigeno, la gestione delle condizioni cardiache o polmonari coinvolte, o il trattamento specifico delle cause dell’anemia.

È importante sottolineare che la cianosi non deve essere trascurata e richiede una corretta valutazione e diagnosi da parte di un medico specialista. In caso di comparsa di cianosi o di preoccupazioni sulla propria salute, è fondamentale consultare un professionista sanitario per una valutazione accurata e un appropriato piano di trattamento.

Per quanto riguarda i rimedi contro la cianosi, quando è causata dall’esposizione al freddo o dalla sindrome di Raynaud (una condizione in cui il flusso di sangue alle estremità del corpo viene bloccato a basse temperature), è consigliabile proteggersi dal freddo con riscaldamento adeguato e abbigliamento appropriato. In altri casi, è consigliabile consultare un medico in quanto la cianosi può essere un sintomo di diversi problemi medici, anche gravi.

Tipi di cianosi, cause e trattamento

La cianosi può manifestarsi in due forme principali: cianosi centrale e cianosi periferica. La cianosi centrale è spesso causata da problemi circolatori o polmonari che portano a una scarsa ossigenazione del sangue. Si verifica quando la concentrazione di emoglobina deossigenata (Hb ridotta = non ossigenata) è pari o superiore a 5 g/100 ml.

Negli adulti con livelli di emoglobina normali (13,5-17 g/dL negli uomini, 12-16 g/dL nelle donne), la cianosi centrale diventa evidente se la saturazione di ossigeno è ≤ 85% (indicante una insufficiente saturazione di O2 nel sangue).

La cianosi centrale può essere causata da diverse condizioni, tra cui

Sistema Nervoso Centrale (alterazione della normale ventilazione)

  • Emorragia intracranica;
  • Abuso di farmaci o overdose di droghe (es. eroina);
  • Crisi epilettiche tonico-cloniche.

Apparato respiratorio

  • Polmonite;
  • Bronchiolite;
  • Broncospasmo;
  • Ipertensione polmonare;
  • Embolia polmonare;
  • Versamento pleurico;
  • Fibrosi polmonare;
  • Ipoventilazione;
  • Broncopneumopatia cronica ostruttiva (enfisema e bronchite cronica);
  • Ostruzione delle vie aeree superiori.

Apparato cardiovascolare

  • Cardiopatie congenite (es. tetralogia di Fallot, cardiopatie con shunt sinistro-destro, difetti settali, ecc.);
  • Insufficienza cardiaca;
  • Valvulopatie;
  • Infarto miocardico;
  • Grave ipotensione (shock);
  • Pericardite cronica.

Altre cause

  • Grave metaemoglobinemia (sovrapproduzione di emoglobina anomala);
  • Policitemia;
  • Apnea ostruttiva del sonno;
  • Diminuzione della pressione parziale di ossigeno nell’atmosfera (ad es. alta quota);
  • Ipotermia (esposizione prolungata al freddo);
  • Fenomeno di Raynaud (riduzione del flusso di sangue alle dita delle mani o dei piedi);
  • Acrocianosi (cianosi persistente, indolore e simmetrica di mani, piedi o viso, causata da vasospasmo dei piccoli vasi della pelle in risposta al freddo).

La cianosi periferica, invece, si verifica quando i pazienti hanno una saturazione normale di ossigeno arterioso sistemico, ma il loro circolo periferico è rallentato (stasi di sangue nei tessuti). Può essere causata da una differenza artero-venosa di ossigenazione che induce un aumento dell’estrazione di ossigeno da parte dei tessuti periferici.

Le cause della cianosi periferica includono tutte le cause più comuni della cianosi centrale, nonché:

  • Ipertensione venosa;
  • Ridotta gittata cardiaca (es. insufficienza cardiaca, ipovolemia, ecc.);
  • Ostruzione arteriosa (es. malattia vascolare periferica);
    Ostruzione venosa (es. trombosi venosa profonda, tromboflebiti, ecc.);
  • Vasocostrizione generalizzata per esposizione al freddo (fenomeno di Raynaud).

È importante sottolineare che la presenza di cianosi richiede una valutazione medica accurata per identificare la causa sottostante e adottare un adeguato piano di trattamento. La cianosi può essere un segno di condizioni mediche gravi e quindi non deve essere trascurata.

Approccio al Paziente Cianotico per Individuarne la Causa

Nel processo di diagnosi della cianosi, è fondamentale prendere in considerazione alcuni aspetti importanti:

  • Anamnesi: L’interrogatorio del paziente riveste un ruolo essenziale, focalizzandosi sulla data di insorgenza della cianosi (la cianosi presente sin dalla nascita è spesso associata a cardiopatie congenite) e sull’esposizione a farmaci o agenti chimici che possono produrre emoglobine anomale.
  • Differenziazione clinica tra cianosi centrale e periferica: Da un lato, le malattie dell’apparato respiratorio o cardiocircolatorio possono essere identificate attraverso l’esame obiettivo o radiografico. Dall’altro, le manovre che aumentano il flusso sanguigno in una parte del corpo (come il massaggio o il lieve riscaldamento di un’area cianotica) possono far regredire la cianosi di tipo periferico, ma non hanno effetto su quella di tipo centrale. La presenza o l’assenza di ippocratismo digitale (deformazione delle dita) è anche un elemento rilevante nella diagnosi differenziale.
  • Diagnosi differenziale: Si deve distinguere tra cianosi centrale e periferica.

Cianosi centrale: La diminuzione della saturazione arteriosa di ossigeno deriva da una marcata riduzione della tensione di ossigeno nel sangue arterioso. Questo può verificarsi a causa di una riduzione della tensione di ossigeno nell’aria inspirata senza una compensatoria iperventilazione alveolare. Ad esempio, a un’altitudine di 2500 metri la cianosi non è significativa, ma diventa evidente oltre i 5000 metri. La cianosi centrale può essere anche causata da emoglobine anomale con bassa affinità per l’ossigeno o da compromissioni della funzione polmonare. Le cardiopatie congenite possono determinare uno shunt di sangue venoso sistemico nella circolazione arteriosa.

Cianosi periferica: È spesso associata a una vasocostrizione generalizzata causata dall’esposizione al freddo. Può verificarsi anche in condizioni come l’insufficienza cardiaca congestizia e lo shock, in cui si verifica una riduzione della gittata cardiaca. L’ipertensione venosa locale o generalizzata può causare la dilatazione dei plessi venosi sottocutanei e intensificare la cianosi.

Per effettuare una diagnosi accurata, possono essere necessari i seguenti passaggi:

  • Anamnesi dettagliata, con attenzione alla storia medica e all’assunzione di farmaci.
  • Esame fisico completo, con particolare attenzione alla presenza di cianosi, ippocratismo digitale o segni di ostruzione vascolare periferica.
  • Test ematici, tra cui un emocromo completo e l’analisi dell’emoglobina per identificare eventuali emoglobine anomale.
  • Radiografie del torace per valutare le condizioni polmonari e cardiache.
  • Elettrocardiogramma (ECG) per valutare l’attività elettrica del cuore.
  • Test di funzionalità polmonare per valutare la capacità respiratoria.

Il trattamento della cianosi dipende dalla causa sottostante e può includere terapie specifiche per le malattie cardiache o polmonari, nonché il ripristino di un adeguato apporto di ossigeno.

È importante sottolineare che la presenza di cianosi acuta può indicare una condizione grave o potenzialmente letale e richiede un’attenta valutazione medica. In generale, un intervento medico tempestivo è fondamentale in questi casi.


Ecco come garantire un corretto lavaggio nasale al neonato: l'importanza dell'igiene delle cavità nasali nel neonato.