L’endometriosi è una malattia che colpisce una percentuale significativa di donne in età fertile, compresa tra il 10% e il 20%, principalmente tra i 25 e i 35 anni. Si caratterizza per la presenza di tessuto endometriale al di fuori della cavità uterina. Questo tessuto può localizzarsi su organi pelvici come le ovaie, le tube di Falloppio, la vescica e il retto, ma in alcuni casi può estendersi anche ad altre parti del corpo. Gli effetti dell’endometriosi possono variare da lievi a gravi, e i sintomi possono differire da persona a persona.

L’endometriosi è una condizione medica in cui il tessuto endometriale, che normalmente riveste l’interno dell’utero, si sviluppa in sedi extrauterine. Durante il ciclo mestruale, questo tessuto endometriale ectopico subisce modificazioni simili a quelle dell’endometrio uterino fisiologico a causa degli estrogeni prodotti dall’ovaio. Questo fenomeno è responsabile dei sintomi e dei segni clinici che caratterizzano l’endometriosi.

Una delle manifestazioni più comuni dell’endometriosi è il dolore cronico pelvico, che rappresenta uno dei fattori causali più comuni di dolore cronico nelle donne in età fertile. Nonostante l’interesse crescente nei confronti dell’endometriosi negli ultimi anni, la malattia rimane in gran parte ancora sconosciuta, soprattutto per quanto riguarda le sue implicazioni sulla fertilità.

Il tessuto endometriale è costituito da due componenti principali: l’epitelio di rivestimento, composto da cellule colonnari ciliate, e la lamina propria o stroma, che consiste in tessuto connettivo lasso altamente vascolarizzato e ghiandole mucipare. Queste strutture contribuiscono alla formazione dell’endometrio, che rappresenta lo strato mucoso dell’utero situato tra il perimetrio e il miometrio.

Durante il ciclo mestruale, gli ormoni estrogeni e progesterone, secreta dalle ovaie, influenzano il rinnovamento regolare dell’endometrio. Questo processo assicura la presenza di un ambiente favorevole all’impianto dell’embrione.

L’endometriosi si sviluppa quando il tessuto endometriale si impianta in sedi estranee all’utero. Queste sedi possono includere le ovaie, le tube di Falloppio, il peritoneo pelvico, la vescica, il retto e altre aree del corpo. L’endometriosi è caratterizzata dalla formazione di lesioni o noduli di tessuto endometriale ectopico in queste sedi.

Le lesioni endometriosiche ectopiche rispondono agli ormoni sessuali, come gli estrogeni, durante il ciclo mestruale. Questa risposta ormonale può causare infiammazione, aderenze e formazione di tessuto cicatriziale. Questi processi possono portare a sintomi come dolore pelvico cronico, dolori durante il ciclo mestruale, dispareunia (dolore durante i rapporti sessuali), disturbi intestinali e urinari, affaticamento e debolezza.

L’endometriosi può anche avere un impatto sulla fertilità delle donne. Le aderenze e le cicatrici formate dal tessuto endometriosico possono ostacolare il movimento degli spermatozoi e l’impianto dell’uovo fecondato.

Sintomi comuni dell’endometriosi

I sintomi comuni dell’endometriosi includono il dolore pelvico, che può essere cronico e manifestarsi durante il ciclo mestruale, la presenza di dolori durante il ciclo mestruale stessa (dismenorrea), dolore durante i rapporti sessuali (dispareunia), problemi intestinali e urinari, affaticamento e debolezza, e l’infertilità. È importante notare che i sintomi possono variare notevolmente da persona a persona e che alcune donne possono essere asintomatiche.

I sintomi dell’endometriosi possono variare. Alcune donne ne sono fortemente colpite, mentre altre potrebbero non presentare sintomi evidenti.

Alcuni sintomi comuni dell’endometriosi sono:

  • Dolore nella parte bassa dell’addome o nella schiena (dolore pelvico) – di solito peggiora durante il ciclo mestruale.
  • Dolore durante il ciclo mestruale che ti impedisce di svolgere le tue attività normali.
  • Dolore durante o dopo i rapporti sessuali.
  • Dolore durante la minzione o la defecazione durante il ciclo mestruale.
  • Sensazione di nausea, stitichezza, diarrea o presenza di sangue nelle urine o nelle feci durante il ciclo mestruale.
  • Difficoltà a rimanere incinta.

Potresti anche avere mestruazioni molto abbondanti. Potresti usare molti assorbenti o tamponi, o potresti macchiare i tuoi vestiti.

Per alcune donne, l’endometriosi può avere un grande impatto sulla loro vita e talvolta può portare alla depressione.

Il sintomo principale dell’endometriosi è il dolore pelvico, spesso associato al ciclo mestruale. Sebbene molte donne avvertano crampi durante il ciclo mestruale, coloro che hanno l’endometriosi descrivono tipicamente un dolore mestruale molto più intenso del normale. Il dolore può anche aumentare nel tempo.

I segni e sintomi comuni dell’endometriosi includono:

  • Dolori mestruali (dismenorrea). Dolore pelvico e crampi che possono iniziare prima e protrarsi per diversi giorni durante il ciclo mestruale. Potresti anche avere dolore lombare e addominale inferiore.
  • Dolore durante i rapporti sessuali. Dolore durante o dopo i rapporti sessuali è comune con l’endometriosi.
  • Dolore durante la defecazione o la minzione. È più probabile che tu incontri questi sintomi durante il ciclo mestruale.
  • Sanguinamento eccessivo. Potresti avere sporadicamente mestruazioni molto abbondanti o sanguinamenti tra un ciclo e l’altro (sanguinamento intermestruale).
  • Infertilità. A volte, l’endometriosi viene diagnosticata per la prima volta in coloro che cercano cure per l’infertilità.
  • Altri segni e sintomi. Potresti sperimentare affaticamento, diarrea, stitichezza, gonfiore o nausea, specialmente durante il ciclo mestruale.

L’intensità del dolore potrebbe non essere un indicatore affidabile dell’estensione della tua condizione. Potresti avere un’endometriosi lieve con dolore intenso, oppure potresti avere un’endometriosi avanzata con poco o nessun dolore.

L’endometriosi viene talvolta confusa con altre condizioni che possono causare dolore pelvico, come la malattia infiammatoria pelvica (MIP) o cisti ovariche. Potrebbe essere confusa con la sindrome dell’intestino irritabile (IBS), una condizione che provoca episodi di diarrea, stitichezza e crampi addominali. L’IBS può accompagnare l’endometriosi, il che può complicare la diagnosi.

Quando consultare un medico

Consulta il tuo medico se presenti segni e sintomi che potrebbero indicare l’endometriosi.

L’endometriosi può essere una condizione difficile da gestire. Una diagnosi precoce, un team medico multidisciplinare e la comprensione della tua diagnosi possono portare a una migliore gestione dei tuoi sintomi.

Questo dolore è spesso più pronunciato poco prima e durante le mestruazioni. La vulvodinia ricorrente, un dolore cronico che coinvolge la vulva e i tessuti circostanti l’accesso alla vagina, è un altro sintomo associato all’endometriosi. La dismenorrea, caratterizzata da mestruazioni estremamente dolorose, e la dispareunia, che provoca dolore durante i rapporti sessuali, sono sintomi tipici dell’endometriosi. Altri sintomi includono menometrorragia (sanguinamento anomalo durante il ciclo mestruale), sanguinamento rettale durante le mestruazioni, riduzione della fertilità e sensazione di fatica, diarrea o costipazione, nausea e senso di pienezza durante le mestruazioni.

In circa il 20-25% dei casi, l’endometriosi è asintomatica e viene diagnosticata incidentalmente durante interventi chirurgici eseguiti per altri motivi, come la sterilità. Nei casi sintomatici, la gravità della sintomatologia può variare da lieve a moderata-grave.

L’endometriosi può influenzare il ciclo mestruale e le sue conseguenze sono legate al comportamento dell’endometrio ectopico durante il ciclo. L’endometrio ectopico si sfalda periodicamente, causando lesioni più o meno sanguinolente. A differenza del sangue mestruale che viene espulso dalla vagina, il sangue delle lesioni endometriosiche si accumula nelle aree circostanti, provocando infiammazione e la formazione di cisti endometriosiche (o endometriomi). Le lesioni endometriosiche possono anche causare la formazione di aderenze tra gli organi pelvici.

Le caratteristiche delle lesioni endometriosiche dipendono da diversi fattori, tra cui la gravità della malattia, la localizzazione e l’età delle lesioni. Queste lesioni possono essere isolate o diffuse e si trovano principalmente sulle ovaie, ma possono essere presenti anche in altri organi pelvici come le tube di Falloppio, l’intestino e il peritoneo.

Le aderenze, che sono fasce di tessuto cicatriziale, si sviluppano a causa delle reazioni infiammatorie e irritative promosse dalle lesioni endometriosiche. Le aderenze possono interessare l’ovaio, l’intestino, le tube di Falloppio e l’utero.

È importante notare che i sintomi dell’endometriosi possono essere simili ad altre condizioni che causano dolore pelvico, come la sindrome infiammatoria pelvica o le cisti ovariche. Inoltre, quando l’endometriosi è associata a sintomi gastrointestinali come diarrea e/o costipazione, può essere confusa con la sindrome dell’intestino irritabile (IBS).

Endometriosi dove

L’endometriosi può manifestarsi in diverse sedi, come nelle ovaie, nel peritoneo pelvico, negli organi pelvici, in organi o tessuti al di fuori della pelvi e nello spessore della parete uterina. Le cause dell’endometriosi non sono ancora del tutto comprese, ma alcune teorie suggeriscono che possa essere causata dalla mestruazione retrograda, dalla metaplasia del tessuto pelvico, dalla disseminazione delle cellule endometriali attraverso il sistema linfatico o ematico, o da una predisposizione genetica o alterazione del sistema immunitario.

La diagnosi dell’endometriosi può essere effettuata durante una visita ginecologica, che può essere seguita da esami strumentali come l’ecografia transvaginale, la risonanza magnetica della pelvi o la laparoscopia.

Il trattamento dell’endometriosi può variare dalla semplice osservazione alla terapia medica o chirurgica. La terapia di osservazione viene utilizzata per forme asintomatiche o con piccoli endometriomi, mentre le terapie mediche possono essere impiegate per alleviare i sintomi dolorosi o prevenire le ricadute dopo intervento chirurgico. La terapia chirurgica, in particolare la laparoscopia, viene utilizzata nei casi in cui non si ottengano risultati con le terapie mediche.

Avanti

Prosegui la lettura navigando con i tasti avanti e indietro. Questo contenuto è stato suddiviso in 7 pagine.



L'affaticamento muscolare e l'indolenzimento - noto come DOMS (Delayed Onset Muscle Soreness) - sono sensazioni familiari che ognuno di noi ha sperimentato almeno una volta nella vita, sia dopo un periodo di inattività prolungata che in seguito a uno sforzo fisico intenso.