La sclerosi multipla è una malattia cronica del sistema nervoso centrale che si caratterizza per la presenza di molteplici zone di cicatrizzazione, derivanti dalla distruzione della guaina mielinica che avvolge i nervi nel cervello e nel midollo spinale. Questo processo, noto come demielinizzazione, può coinvolgere anche le fibre nervose che trasmettono i segnali neurali. La sclerosi multipla colpisce principalmente giovani adulti, con una maggiore incidenza tra i 20 e i 40 anni, sebbene possa insorgere in qualsiasi momento compreso tra i 15 e i 60 anni. Le donne sono leggermente più colpite rispetto agli uomini, mentre è rara nei bambini.

I sintomi della sclerosi multipla possono variare ampiamente da persona a persona e possono comprendere affaticamento persistente, problemi di deambulazione e equilibrio, disturbi visivi come visione offuscata, doppia visione o perdita temporanea della vista, problemi di controllo della vescica e dell’intestino, difficoltà di coordinazione e movimento, deficit cognitivi come problemi di memoria e concentrazione, alterazioni della sensibilità come intorpidimento, formicolio o ipersensibilità al caldo o al freddo, e sintomi emotivi quali depressione, ansia o irritabilità.

La diagnosi della sclerosi multipla si basa su un esame clinico completo, che comprende test neurologici, imaging cerebrale e spinale, e analisi del liquido cerebrospinale per escludere altre possibili cause dei sintomi. La malattia è caratterizzata da periodi di remissione, durante i quali i sintomi possono attenuarsi o scomparire, alternati a periodi di riacutizzazione dei sintomi, che possono essere lievi o debilitanti. Il trattamento della sclerosi multipla può comprendere l’uso di corticosteroidi per ridurre l’infiammazione, farmaci immunomodulatori per prevenire gli attacchi al sistema nervoso, e farmaci per il sollievo dei sintomi.

La sclerosi multipla non compromette l’aspettativa di vita, a meno che non sia presente una forma molto grave della malattia. Tuttavia, la sua progressione nel tempo può causare una riduzione delle dimensioni del cervello a causa della distruzione degli assoni. La malattia rappresenta una sfida per i pazienti e può influire significativamente sulla loro qualità di vita. Un adeguato trattamento e un supporto medico possono contribuire a gestire i sintomi e a migliorare la qualità di vita dei pazienti affetti da sclerosi multipla.

La causa della sclerosi multipla non è ancora completamente compresa, ma una spiegazione plausibile è che nell’infanzia si verifichi l’esposizione a un virus come l’herpesvirus o il retrovirus, o a sostanze sconosciute, che potrebbero stimolare una reazione autoimmune del sistema immunitario contro i tessuti del corpo, causando infiammazione e danneggiando la guaina mielinica e le fibre nervose sottostanti.

I geni giocano un ruolo significativo nello sviluppo della sclerosi multipla. Ad esempio, avere un genitore o un fratello affetti dalla malattia aumenta notevolmente il rischio di svilupparla. Inoltre, la presenza di determinati marcatori genetici, chiamati antigeni leucocitari umani, sulla superficie cellulare sembra favorire l’insorgenza della malattia. Questi marcatori aiutano normalmente l’organismo a distinguere tra il proprio e l’estraneo, determinando quali sostanze attaccare.

Anche l’ambiente riveste un ruolo importante nella sclerosi multipla. Il luogo in cui una persona trascorre i primi 15 anni della sua vita influisce sul rischio di sviluppare la malattia. Ad esempio, la sclerosi multipla è più comune nelle regioni con clima temperato, colpendo circa una persona su 2.000, rispetto alle regioni con clima tropicale, dove l’incidenza è di circa una persona su 10.000. Inoltre, la malattia si sviluppa meno frequentemente nelle persone che crescono in prossimità dell’equatore. Queste differenze potrebbero essere correlate ai livelli di vitamina D. L’esposizione al sole favorisce la produzione di vitamina D nella pelle, e le persone che crescono in climi temperati potrebbero avere livelli più bassi di questa vitamina. Bassi livelli di vitamina D sono associati a un aumento del rischio di sviluppare sclerosi multipla e a una maggiore frequenza e gravità dei sintomi nei pazienti affetti. Tuttavia, non è ancora del tutto chiaro come la vitamina D protegga dalla malattia.

La località di residenza successiva all’infanzia, indipendentemente dal clima, non sembra influenzare le probabilità di sviluppare la sclerosi multipla. Inoltre, il fumo di sigaretta sembra aumentare il rischio di sviluppare la malattia, sebbene le ragioni di questa associazione non siano ancora del tutto comprese.

La sclerosi multipla è considerata una malattia multifattoriale, in cui l’interazione tra fattori genetici e ambientali svolge un ruolo determinante. Ad oggi, sono stati identificati oltre 300 geni associati a una maggiore predisposizione alla malattia. Per quanto riguarda i fattori ambientali, sono state identificate alcune cause potenziali che potrebbero innescare la risposta autoimmune responsabile della malattia, come le infezioni virali, il sovrappeso e l’obesità durante l’adolescenza, la carenza di vitamina D, il fumo di sigaretta e la residenza in regioni lontane dall’equatore.

Forme di sclerosi multipla

La sclerosi multipla è una malattia complessa che può manifestarsi in diverse forme, ognuna con caratteristiche specifiche che influenzano il decorso della malattia e le implicazioni neurologiche associate.

Una delle forme riconosciute di sclerosi multipla è la sindrome clinicamente isolata (CIS). Questa forma è caratterizzata da un episodio neurologico che dura almeno 24 ore e che indica la presenza di danni alla mielina nel sistema nervoso centrale. Tuttavia, essere affetti da CIS non implica necessariamente avere la diagnosi di sclerosi multipla, ma l’evoluzione verso la malattia è più probabile quando si osservano lesioni cerebrali visibili alla risonanza magnetica.

La forma più comune di sclerosi multipla è la sclerosi multipla recidivante con remissione (SMRR). In questa forma, si alternano episodi acuti di peggioramento delle funzioni neurologiche, chiamati “attacchi” o “ricadute”, a fasi di remissione in cui si verifica un recupero parziale o completo e la malattia non progredisce. Statisticamente, tra il 75% e l’85% delle persone con diagnosi di sclerosi multipla presenta questa forma della malattia.

La sclerosi multipla progressiva secondaria (SMPS) è una forma che spesso si sviluppa a seguito della forma SMRR. Nella SMPS, si osserva un peggioramento costante delle funzioni neurologiche e un accumulo progressivo di disabilità senza significative fasi di remissione. Almeno il 50% dei casi di sclerosi multipla recidivante con remissione evolve verso la forma progressiva secondaria entro 10 anni dalla diagnosi iniziale. Al momento, non ci sono dati a lungo termine che dimostrino la capacità dei trattamenti attuali di ritardare la transizione tra queste due forme di malattia.

La sclerosi multipla primaria progressiva (SMPP) è caratterizzata da un peggioramento lento delle funzioni neurologiche fin dai primi sintomi e dall’assenza di attacchi acuti significativi e di fasi di remissione sostanziali. Circa il 10-15% delle persone con diagnosi di sclerosi multipla presenta questa forma di malattia.

La sclerosi multipla progressiva con ricadute (SMPR) è caratterizzata da attacchi acuti importanti e da un peggioramento costante delle funzioni neurologiche sin dall’inizio della malattia, senza significative fasi di remissione. Sebbene i pazienti affetti da SMPR possano sperimentare momenti di ripresa dopo le ricadute, non si tratta di remissioni vere e proprie e la malattia continua il suo corso neurodegenerativo. La forma SMPR è considerata molto rara e colpisce solo il 5% delle persone con diagnosi di sclerosi multipla.

Esiste la sindrome radiologicamente isolata (RIS), che include i casi in cui le persone apparentemente sane presentano lesioni mieliniche caratteristiche della sclerosi multipla alla risonanza magnetica cerebrale.

La distinzione tra queste diverse forme di sclerosi multipla è importante non solo per la prognosi della malattia, ma anche per la scelta del trattamento più appropriato per ogni paziente. La comprensione delle caratteristiche specifiche di ciascuna forma consente di adattare le terapie in base alle esigenze individuali dei pazienti affetti da sclerosi multipla.

Sintomi della sclerosi multipla

La sclerosi multipla è una malattia complessa che presenta una vasta gamma di sintomi che variano notevolmente da persona a persona e possono anche cambiare nel corso del tempo. I sintomi dipendono dalle specifiche fibre nervose che vengono danneggiate nella malattia.

Gli sintomi sensoriali possono derivare dalla demielinizzazione delle fibre nervose che trasmettono le informazioni sensoriali. Questi sintomi includono formicolio, intorpidimento, dolore, bruciore, prurito e una riduzione del senso del tatto in braccia, gambe, tronco o viso.

I sintomi motori sono il risultato della demielinizzazione delle fibre nervose che trasmettono i segnali ai muscoli. Ciò può causare problemi nel movimento, come debolezza, rigidità muscolare e difficoltà di coordinazione.

La sclerosi multipla può manifestarsi con diversi andamenti. Nell’andamento recidivante-remittente, si alternano episodi acuti di peggioramento dei sintomi (ricadute) a periodi di remissione in cui i sintomi si riducono o scompaiono. Le ricadute possono essere scatenate da infezioni come l’influenza.

L’andamento progressivo primario è caratterizzato da una progressione graduale della malattia senza remissioni evidenti o ricadute. La malattia continua a peggiorare nel tempo senza significative fasi di miglioramento.

Nell’andamento progressivo secondario, la malattia inizia come una forma recidivante-remittente, ma successivamente si verifica una progressione graduale dei sintomi. L’andamento recidivante-progressivo è caratterizzato da una progressione graduale della malattia interrotta da ricadute improvvise. Questo andamento è molto raro.

I sintomi iniziali della sclerosi multipla possono essere vaghi e possono manifestarsi molto prima della diagnosi. Questi possono includere formicolio, intorpidimento, dolore, bruciore, prurito, perdita di forza o destrezza in una gamba o una mano, e disturbi della vista come visione offuscata o problemi di movimento degli occhi.

La sclerosi multipla è una malattia complessa e i suoi sintomi precoci possono variare da persona a persona. Le prime manifestazioni della malattia possono essere difficili da riconoscere per chi non è un esperto nel campo. Tuttavia, ci sono alcuni sintomi comuni che possono essere indicativi dell’esordio della sclerosi multipla.

Uno dei sintomi precoci più comuni è il formicolio, il pizzicore o il prurito. Queste sensazioni possono essere presenti in diverse parti del corpo e possono essere associate a una riduzione del senso del tatto.

La mancanza di forza, la perdita di coordinazione e l’irrigidimento muscolare sono anche segni precoci che possono essere osservati nelle persone affette da sclerosi multipla. Questi sintomi possono manifestarsi principalmente negli arti e possono influire sulla capacità di svolgere normali attività quotidiane. Alcune persone possono sperimentare una sensazione di fasciatura all’addome, accompagnata da una ridotta sensibilità agli arti inferiori. Questo sintomo può essere attribuito alla compromissione del sistema nervoso centrale causata dalla sclerosi multipla. Disturbi visivi come vista annebbiata o sdoppiata possono essere segnali precoci della malattia. Le persone potrebbero notare un deterioramento della loro visione e avere difficoltà a focalizzare correttamente gli oggetti.

In rari casi, possono verificarsi disturbi sfinterici, come la difficoltà a svuotare completamente la vescica. Questo sintomo può essere associato a un coinvolgimento del sistema nervoso centrale e richiede attenzione medica. È importante sottolineare che questi sintomi precoci devono persistere per un periodo di tempo significativo e non devono essere episodi isolati o transitori. Ad esempio, il formicolio continuo alle mani per un’intera giornata potrebbe essere un segno di sclerosi multipla.

Se si sospetta di avere sintomi precoci della sclerosi multipla, è consigliabile consultare un medico specialista per una valutazione accurata e una diagnosi appropriata. La sclerosi multipla può essere gestita in modo più efficace quando viene riconosciuta precocemente e il trattamento adeguato può essere avviato tempestivamente.

Con la progressione della malattia, i movimenti possono diventare irregolari e inefficaci, portando a una parziale o completa paralisi. La spasticità muscolare può causare contrazioni involontarie e crampi dolorosi. La debolezza muscolare e la spasticità possono interferire con la deambulazione e alcune persone possono diventare completamente dipendenti dalla sedia a rotelle. Altri sintomi possono includere disturbi dell’eloquio, alterazioni emotive, problemi di controllo della vescica e dell’intestino, disturbi cognitivi, vertigini, dolore e altri disturbi sensoriali.

La sclerosi multipla è una malattia complessa che può manifestarsi in modi diversi e i sintomi possono variare da persona a persona. La comprensione di questi sintomi aiuta nella diagnosi e nella gestione della malattia, consentendo un trattamento e un supporto adeguati per migliorare la qualità di vita delle persone affette da sclerosi multipla.

Disfunzione Vescicale e Sintomi Urinari

La sclerosi multipla può causare disfunzione vescicale, che si verifica nella maggior parte dei pazienti a un certo punto durante il corso della malattia. I sintomi urinari possono essere uno dei primi segni di sclerosi multipla, presentandosi nel 3-10% delle persone affette.

La gravità dei sintomi e dei segni della disfunzione vescicale può variare da lieve a grave e può includere diversi aspetti, come:

  • Urgenza minzionale: si manifesta come un improvviso e intenso bisogno di urinare, spesso accompagnato dall’incapacità di trattenere l’urina.
  • Ritenzione urinaria: può essere difficile avviare la minzione o mantenere un flusso urinario costante.
  • Nicturia: la necessità di urinare frequentemente durante la notte.
  • Incontinenza urinaria: la perdita involontaria del controllo delle urine.
  • Le infezioni del tratto urinario ricorrenti possono anche essere un segno di disfunzione vescicale nella sclerosi multipla.

Problemi Intestinali e Stitichezza

Nella sclerosi multipla, la stitichezza è uno dei disturbi intestinali più comuni. La stitichezza può peggiorare altri sintomi, come spasmi muscolari, dolore, disfunzione vescicale e problemi di deambulazione. Inoltre, può contribuire all’incontinenza fecale, che si verifica quando si perde il controllo dell’intestino.

Depressione e Cambiamenti Emotivi

La depressione è spesso associata a sentimenti persistenti di tristezza e mancanza di interesse per le attività che un tempo piacevano. Nella sclerosi multipla, la depressione può manifestarsi in qualsiasi momento durante il corso della malattia, sia in fase precoce che tardiva.

La depressione nella sclerosi multipla può essere causata da diversi fattori, tra cui la stessa sclerosi multipla, il danno alle aree del cervello che regolano le emozioni può contribuire alla comparsa della depressione; effetti collaterali dei farmaci per la sclerosi multipla, ad esempio, l’uso di corticosteroidi per trattare le ricadute della malattia o farmaci a base di interferone come terapie modificanti la malattia, stress associato alla gestione della sclerosi multipla, come ricevere una nuova diagnosi, affrontare una ricaduta o affrontare cambiamenti significativi nella funzione possono essere fonte di stress psicologico.

Altri sintomi emotivi comuni nella sclerosi multipla includono l’ansia, l’irritabilità e la rabbia. Molte di queste emozioni derivano dalla natura imprevedibile della malattia e dall’impatto fisico ed emotivo che la sclerosi multipla può avere sulla vita di una persona.

Oltre ai sintomi già menzionati in precedenza, la Sclerosi Multipla può manifestarsi con i seguenti sintomi “classici”:

  • Parestesie: solitamente un disturbo precoce caratterizzato da sensazioni di formicolio, intorpidimento o pizzicore.
  • Miochimia facciale: contrazioni irregolari dei muscoli del viso, che possono essere uno dei primi segni di Sclerosi Multipla.
  • Vertigini: sensazione di instabilità o rotazione dell’ambiente circostante. Perdita di riflessi e movimenti scoordinati. Difficoltà a masticare o deglutire. Difficoltà cognitive soggettive, come problemi di attenzione, concentrazione, memoria e giudizio. Ciò può includere perdita di concentrazione, difficoltà di memoria e problemi di giudizio.
  • Euforia: meno comune della depressione, ma talvolta può manifestarsi come un cambiamento improvviso e incontrollabile dell’umore verso l’eccitazione e la felicità. Difficoltà di deambulazione. Debolezza alle braccia o alle gambe. Accelerazione del battito cardiaco o palpitazioni. Disfunzione sessuale. Triade di Charcot, caratterizzata da disartria (difficoltà nel parlare), nistagmo (movimenti oculari involontari) e tremore intenzionale (tremore durante i movimenti volontari).
  • Intolleranza al calore: una sensibilità aumentata al calore ambientale, che può causare un peggioramento temporaneo dei sintomi.
  • Afasia o disfasia: si verificano molto raramente e sono caratterizzate da difficoltà nel linguaggio e nella comunicazione.
  • Convulsioni: si riscontrano nel 5% dei casi di Sclerosi Multipla. Altri sintomi parossistici, come atassia (difficoltà nel coordinare i movimenti), acinesia (riduzione o assenza di movimento) e prurito. Questi sintomi possono verificarsi durante gli attacchi e sono spesso innescati da movimenti o stimoli sensoriali.
  • Disturbo bipolare o demenza franca: possono comparire nelle fasi avanzate della malattia, ma talvolta possono essere presenti fin dalla diagnosi iniziale.


Ecco come garantire un corretto lavaggio nasale al neonato: l'importanza dell'igiene delle cavità nasali nel neonato.