ESPLORA

Sintomi Acromegalia

L'acromegalia è una patologia derivata dall'esposizione dell'organismo ad un eccesso di produzione di ormone della crescita (GH) nell'età postpuberale e dal conseguente aumento del fattore di crescita insulinosimile 1, detto anche IGF-1, prodotto principalmente dal fegato in risposta al GH.

@sintomi_it
Sintomi
Ultima modifica di Redazione

Sintomi acromegalia. L’acromegalia è una patologia derivata dall’esposizione dell’organismo ad un eccesso di produzione di ormone della crescita (GH) nell’età postpuberale e dal conseguente aumento del fattore di crescita insulinosimile 1, detto anche IGF-1, prodotto principalmente dal fegato in risposta al GH.

L’acromegalia deve essere distinta dal gigantismo ipofisario in cui l’ipersecrezione di GH inizia prima della saldatura delle epifisi.

I sintomi dell’acromegalia

Sintomi acromegalia

Sintomi acromegalia. Cambiamenti a livello del volto che diventa allungato con abbassamento della fronte, sporgenza delle arcate sopracciliari e gli zigomi, il naso si fa grosso e camuso, le labbra si ispessiscono, il mento si allarga e sporge in avanti.

Le mani invece assumono una conformazione detta a paletta, diventando spesse e larghe con dita grosse e tozze.



Vogliamo che il sito sia una risorsa utile per i nostri utenti, ma è importante ricordare che la discussione non è moderata o rivista dai medici e quindi non dovresti fare affidamento su pareri o consigli forniti da altri utenti. Rivolgiti sempre e comunque al tuo medico di famiglia. L'utilizzo del materiale pubblicato non ha valore prescrittivo ed è soggetto ai nostri Termini di utilizzo e alla Privacy Policy, saranno prese tutte le misure per rimuovere possibili violazioni di tali termini.

Continua a leggere

Sintomi

Anosmia

L'anosmia è un disturbo olfattivo caratterizzato dalla perdita del senso dell'olfatto. Scopri di quali patologie può essere sintomi l'anosmia, quali sono le i sintomi e le sue cause.

Utero

Gravidanza Anembrionica

La certezza diagnostica di gravidanza anembrionica dipende esclusivamente dalla seconda ecografia transvaginale, essendo non riconoscibile perché rimangono intatti, fino alla fine, tutti i sintomi tipici della gravidanza.