ESPLORA
sintomi.it

Abasia

L'abasia è un disturbo motorio che consiste nella capacità nel camminare ridotta allo zero, nonostante non vi siano lesioni del sistema nervoso centrale e periferico.

Anatomia
@sintomi_it
Abasia
Tempo di lettura: 1 minuti di Redazione

L’abasia rientra nella categoria dei disturbi del movimento, ossia delle disfunzioni motorie ed ha comunque origine nervosa con una diminuzione delle capacità di coordinazione dei movimenti o del camminare.

Si associa spesso all’astasia, cioè all’impossibilità nel mantenere la stazione eretta. Insieme all’acatisia, fa parte dei sintomi di tipo motorio dovuto a deficit del sistema nervoso centrale o periferico.

Tra i vari tipi di abasia:

  • astasia: detto astasia-abasia, si tratta di un difetto nella coordinazione motoria con impossibilità di preservare la capacità di stare in piedi o di camminare in modo fluida, soltanto da seduto o sdraiato il paziente ha la possibilità di muoversi in maniera coordinata;
  • atassica: abasia che provoca insicurezza nella deambulazione;
  • paralitica: abasia dovuta a paralisi muscolare delle gambe (gli arti inferiori);
  • tremolante parossistica: abasia causata da contrazione spasmodica dei muscoli delle gambe con conseguente tremore stando in piedi. Spesso la causa è l’isteria.

Sintomi.it è una risorsa semplice, affidabile ed in continua revisione/aggiornamento da parte del nostro Comitato Scientifico, ma è importante ricordare che bisogna sempre rivolgersi al proprio medico di famiglia e allo specialista. L'utilizzo del materiale pubblicato su sintomi.it ha valore informativo ma in nessun modo prescrittivo ed è soggetto ai nostri Termini di utilizzo e alla Privacy Policy, saranno prese tutte le misure per rimuovere possibili violazioni di tali termini.

Continua a leggere

Anatomia

Acalasia

Per acalasia si intende uno stato di incoordinazione motoria della muscolatura liscia per ipertono degli sfinteri.

Psicologia

Abulia

L'abulia è un disturbo di tipo mentale caratterizzato dalla lentezza del soggetto a mettere in pratica un'azione o nel prendere una decisione, nonostante la coscienza dell'individuo della necessità del dover compiere tale azione.