ESPLORA
sintomi.it

Il selfie indica il nostro stato di salute mentale

Sei sull'orlo di una crisi? Un'app potrebbe rivelare lo stato di salute mentale in base al numero di selfie che scatti ogni giorno.

Cervello
@sintomi_it
Il selfie indica il nostro stato di salute mentale
Tempo di lettura: 1 minuti di Redazione

In America hanno preso a cuore la questione “selfie” ed hanno sviluppato un’applicazione in grado di monitorare il nostro stato di salute mentale. In Texas, per la precisione, un’equipe di sviluppatori ha trovato il modo di coniugare selfie, battito cardiaco, variazioni del colore della fronte, dilatazione pupillare, velocità di apertura e chiusura delle palpebre.

Senza dimenticare la velocità con cui muoviamo la testa ed i messaggi che vengono condivisi su Facebook, Twitter o Instagram.

Se da una parte sembra un’utopia, dall’altra un’abissale violazione della privacy, questa app potrebbe dare consigli sul proprio autocontrollo e gestione delle emozioni per avviare un percorso di mantenimento del benessere fisico e mentale.

In realtà le implicazioni di questa applicazione potrebbero riguardare il monitoraggio delle malattie infettive, oppure lo stato nutrizionale o di diffusione dell’influenza: tutt’altro che selfie e salute mentale, insomma.

Ma, non trattandosi di un’applicazione ad oggi pronta per l’uso, tantomeno disponibile su Apple Store o Google Play, possiamo accontentarci di “fantasticare” su quali sono, ad oggi, le conseguenze della vita in multitasking che ha profondamente cambiato il nostro modo di concepire la realtà.


Sintomi.it è una risorsa semplice, affidabile ed in continua revisione/aggiornamento da parte del nostro Comitato Scientifico, ma è importante ricordare che bisogna sempre rivolgersi al proprio medico di famiglia e allo specialista. L'utilizzo del materiale pubblicato su sintomi.it ha valore informativo ma in nessun modo prescrittivo ed è soggetto ai nostri Termini di utilizzo e alla Privacy Policy, saranno prese tutte le misure per rimuovere possibili violazioni di tali termini.

Continua a leggere