ESPLORA

Menopausa

La menopausa, tra sintomi, segni ed effetti primari e secondari della scomparsa delle mestruazioni e dell'alterazione del ciclo ormonale, tra cui l'equilibrio sonno-veglia, lo stato psicologico ed il disagio sociale correlato.

Menopausa
@sintomi_it
Sintomi Menopausa
Tempo di lettura: 8 minuti di Redazione

La menopausa è il periodo della vita della donna che segna dei cambiamenti molto importanti verso l’incombere della terza età, ma non va vista come una sorta di piaga che porta alla vecchiaia, anzi: se molte donne la vivono come una malattia (pensando subito all’idea di dover assumere dei farmaci ad esempio) in realtà ci sono degli aspetti molti interessanti che ogni donna dovrebbe valutare attentamente.

Sintomi menopausa. Prima di tutto, la menopausa è un periodo di passaggio, più che una crisi. Una tappa della vita della donna che interessa tutte, senza distinzioni, per cui va vissuta con serenità ed entusiasmo.

Tutti i fattori che scatenano la menopausa, dai disturbi agli sbalzi ormonali.

Non tutte le donne manifestano gli stessi sintomi e riescono ad affrontare allo stesso modo i piccoli problemi che fisiologicamente segneranno la fine dell’età fertile, ricongiungendo la donna in una fase della vita più piatta dal punto di vista ormonale.

A livello psicologico e non solo fisiologico i cambiamenti possono interessare anche la sfera sociale ed affettiva, per cui ogni donna dovrebbe attentamente leggere questo articolo, o un post a tema come il nostro, per potersi non solo tranquillizzare, ma anche armare con le dovute contromisure per vivere più serena e preparata.

Perché molte donne sono terrorizzate dall’idea della menopausa?

Gli avvenimenti sintomatologici che si accompagnano nella fase della menopausa o della pre-menopausa prendono il nome medico di climaterio.

Conosci i sintomi della menopausa? Sapresti riconoscerla? Sai con precisione quali disturbi si fanno avanti per primi e come affrontare le piccole paure che caratterizzano questa fase? Vediamo insieme di darci qualche risposta.

Banalmente, molte donne pensano che l’inizio della menopausa corrisponda con il termine del ciclo mestruale, senza sapere che alcuni sintomi si manifestano anche anni prima dell’inizio del climaterio.

Sintomi menopausa: ci sono donne che riescono ad identificare anche i più piccoli cambiamenti del proprio corpo ed altre che fanno più fatica a “riconoscersi” nel cambiamento e quindi lo rifiutano.

Vi sono donne poi che vivono in modo diverso questi cambiamenti, identificandoli come fastidiosissimi problemi da risolvere ed altre che neanche si rendono conto di questi disturbi.

Fattori di rischio aggiuntivi. Oltre alla menopausa, bisogna considerare i fattori di rischio come l’ipertensione, il colesterolo alto, l’osteoporosi, l’obesità, solo per citarne alcuni.

Più questi fattori concomitanti saranno forti maggiori saranno, ad esempio, gli effetti di fastidi come le “vampate di calore“, che durano più di un anno e precedono la menopausa come primo campanello di allarme.

Molte donne cominciano ad avere marcati disturbi nel ciclo del sonno, anche a causa della sudorazione notturna dovuta alle vampate.

La routine diventa sempre più complicata e molte iniziano ad assumere atteggiamenti di nervosismo ed irritabilità simile al periodo pre-mestruale; per questo motivo, una volta avvertito il sintomo della vampata di calore, si dovrebbe seriamente prendere in considerazione l’idea di evitare bevande alcoliche o eccitanti come il caffè, idratarsi adeguatamente bevendo almeno un litro e mezzo di acqua al giorno e soprattutto iniziare una sana e corretta attività fisica giornaliera.

Sintomi menopausa: l’organismo muta, ecco come. La terapia ormonale

La menopausa non è un periodo soltanto fisiologico, ma anche a livello anatomico vi sono cambiamenti che iniziano a marcarsi nell’intimo femminile, come quelli che interessano la vagina (che va incontro a secchezza delle membrane), la pelle e le ghiandole mammarie (con il seno che perde tono ed elasticità), ma che coinvolge anche i muscoli, le ossa, il cuore, il sistema venoso periferico.

Proprio a causa di alcuni cambiamenti soprattuto urologici nella donna, con incontinenza, cistiti ed infezioni, disfunzioni sessuali femminili, prolasso genitale, è consigliata (ma solo sotto stretta sottoscrizione medica) l’inizio di una Terapia ormonale sostitutiva (TOS) che, con l’assunzione di estrogeni che non vengono secreti dall’ovaio, può lenire molti disturbi e problemi menopausali, ma anche molte “fisse” tipicamente figlie dei tempi moderni che vedono il modello femminile sempre in splendida forma e perfetta sincronia.

Il vero scopo della TOS, comunque, è quello di prevenire disturbi ben più gravi che si possono manifestare nella terza età, come malattie cardiovascolari ed osteoporosi.

Rimane comunque indubbia e comprovata l’efficacia della terapia ormonale sostitutiva a livello percettivo dello stato di benessere della donna, tale da essere anche riconosciuta dalla stessa come un’opportunità e non come una “terapia” per curare una “patologia”.

Inoltre, pare che gli effetti della terapia ormonale abbiano rilievo anche dal punto di vista emotivo ed affettivo, atletico e sessuale, dal punto di vista dell’equilibrio sonno-veglia.

Sintomi menopausa e cura. La terapia può essere iniziata in un qualsiasi momento, ma va monitorizzata, soprattutto se iniziata anni dopo i sintomi iniziali della menopausa.

Tutte le donne possono ricorrere alla terapia per la menopausa? Purtroppo no. Chi soffre di obesità o sovrappeso, ipertensione o storie famigliari di rischio cardiovascolare non può iniziare questa terapia senza particolari attenzioni.

Inoltre, il rischio osteoporotico è sempre dietro l’angolo: l’osteoporosi, che colpisce più o meno tutte le donne dopo la menopausa, è un fenomeno sempre più diffuso a causa dei fattori concomitanti che la possono scatenare come peso corporeo, alcool, fumo, vita sedentaria.

I rischi cardiovascolari?

La menopausa è anche un periodo di forte “palpitazione” ovvero, oltre alle classiche vampate di calore, le donne sono maggiormente esposte ai rischi cardiovascolari. Una visita cardiologica è d’obbligo per la donna che entra in menopausa, per poter escludere qualsiasi potenziale, presente o futuro, rischio cardiaco.
La sudorazione improvvisa è un sintomo classico che può far pensare alla donna ad una visita cardiologica specialistica: ricordiamo che la prevenzione è tutto, a tutte le età.

Sintomi menopausa: la menopausa precoce

Non tutte le donne vanno in menopausa alla stessa età, ovvero mediamente a 65 anni. Vi sono segnali che possono far pensare ad una menopausa precoce, anche per cause chirurgiche, come un pregresso intervento chirurgico, l’asportazione dell’ovaio ad esempio.
Sintomi Precoci e Tardivi. I primi segni e sintomi di menopausa sono le vampate di calore, le sudorazioni notturne o diurne improvvise e prolungate, la cefalea, le palpitazioni, uno stato psicologico di ansia, insonnia ed irritabilità.

I cambiamenti ormonali della menopausa sono anche a carico della funzionalità di organi come la vescica, l’uretra e tutto il sistema urinario che coinvolge la minzione: l’incontinenza urinaria è sempre più frequente e le donne in sovrappeso sono più esposte agli effetti negativi delle vampate.


Sintomi.it è una risorsa semplice, affidabile ed in continua revisione/aggiornamento da parte del nostro Comitato Scientifico, ma è importante ricordare che bisogna sempre rivolgersi al proprio medico di famiglia e allo specialista. L'utilizzo del materiale pubblicato su sintomi.it ha valore informativo ma in nessun modo prescrittivo ed è soggetto ai nostri Termini di utilizzo e alla Privacy Policy, saranno prese tutte le misure per rimuovere possibili violazioni di tali termini.

Continua a leggere

Stomaco

Tipi di malattia celiaca

La celiachia è una patologia multifattoriale che dipende dall'influenza dei fattori ambientali e genetici che rispondono al sistema di istocompatibilità di II classe.

Salute

Sintomi Angoscia nel bambino

Sono sempre di più i bambini che manifestano sintomi di angoscia ed ansia anche al di sopra degli otto anni, con un quadro clinico ben specifico tale da far rientrare l'ambito di diagnosi in vere e proprie sindromi ansiose.