ESPLORA

Sinusite

La sinusite è un'infiammazione acuta o cronica di un seno paranasale.

Sinusite
@sintomi_it
Sintomi Sinusite
Ultima modifica di Redazione

Sintomi sinusite. La sinusite è un’infiammazione acuta o cronica di un seno paranasale. La sinusite acuta è l’infiammazione delle cavità intorno ai seni nasali che rende difficile respirare con il naso. La diagnosi di sinusite cronica si ha quando i sintomi durano per 3 mesi o più. Questo problema deve essere valutata da un medico ORL.In base alla sede si distinguono sinusite:

  • mascellari,
  • frontali,
  • etmoidali,
  • sfenoidali.


In base alla sua estensione la malattia può essere monolaterale o bilaterale, interessare più seni paranasali (polisinusite) o tutti i seni paranasali (pansinusite).

Sintomi Sinusite

Sintomi Sinusite

Dal punto di vista clinico si parla di forme chiuse quando l’essudato non può fuoriuscire dalla cavità del seno per l’occlusione dell’orifizio naturale, nel caso contrario si parla di forma aperta, distinguendo anche la sinusite suppurativa e quella non suppurativa.

La sinusite può manifestarsi in seguito a riniti acute o croniche, infezioni dentarie, frattura dei seni mascellari e delle periorbitarie, malattie esantematiche, influenza, allergie.

Sintomi sinusite

I sintomi sono:

  • dolore acuto e locale che si accentua con la pressione della mano o del cuscino,
  • febbre,
  • tumefazione della guancia nelle sinusiti mascellari,
  • tumefazione della palpebra superiore nelle sinusiti frontali,
  • edema della mucosa per deviazione alta del setto nasale o ipertrofia del turbinato medio che impedisce il drenaggio, causando cronicizzazione.


I sintomi specifici delle sinusiti etmoidali e sfenoidali sono:

  • cefalea,
  • dolori intra- e retrorbitali,
  • vertigini.

Nelle sinusiti croniche la caratteristica è costituita dall’abbondante secrezione nasale o rinofaringea. Le complicanze sono più frequenti nelle sinusiti croniche purulente e sono:

  • faringiti,
  • tonsilliti,
  • laringotracheiti,
  • bronchiti per discesa del processo infettivo,
  • neuriti ottiche retrobulbari,
  • meningiti sierose o purulente,
  • trombosi del seno cavernoso o longitudinale.

La diagnosi viene effettuata mediante rinoscopia, mentre la terapia è costituita da una dose massiccia di antibiotici e un intervento chirurgico per il drenaggio delle raccolte purulente (tuttavia da evitare nella fase acuta).

Sinusite cura e farmaci

Solitamente non vengono prescritti antibiotici per la cura della sinusite. I farmaci consigliati per la cura della sinusite sono i decongestionanti, che in alcuni casi possono aiutare a liberare le vie nasali. Non devono per forza essere prescritti dal medico, ci sono farmaci da banco come gli spray nasali con azione decongestionante ma non devono essere assunti per più di tre giorni, per evitare danni alle mucose che ne possono temporaneamente ridurre la sensibilità.

Spesso la sinusite si accompagna a dolore articolari e alla fronte, febbre per cui viene indicato l’uso di paracetamolo o ibuprofene, accompagnato agli antistaminici e ai decongestionanti, per ridurre si sintomi. Molti decongestionanti contengono cortisone, anche se in piccolissime dosi.

Vi sono sinusiti che sono provati da virus o batteri e la guarigione è spontanea, ma nella sinusite cronica l’infiammazione è importante e non si parla di semplice raffreddore, ma di congestione prolungato delle vie aeree.

Sinusite antibiotico

Gli antibiotici sono molto rari e la loro somministrazione è indicata solo nella sinusite batterica acuta, ma spesso si rivela inefficace. Per tale motivo bisognerebbe fare un’analisi dell’espettorato, cioè un analisi del muco nasale, in modo da avere un campione batteriologico su cui cercare l’antibiotico più adatto. La terapia antibiotica non va solitamnete oltre i 10-12 giorni e i farmaci più utilizzati sono amoxicillina come l’Augmentin, azitromicina, moxifloxacina come l’Avalox, solo se si accertato che l’origine della sinusite è batterica.



Vogliamo che il sito sia una risorsa utile per i nostri utenti, ma è importante ricordare che la discussione non è moderata o rivista dai medici e quindi non dovresti fare affidamento su pareri o consigli forniti da altri utenti. Rivolgiti sempre e comunque al tuo medico di famiglia. L'utilizzo del materiale pubblicato non ha valore prescrittivo ed è soggetto ai nostri Termini di utilizzo e alla Privacy Policy, saranno prese tutte le misure per rimuovere possibili violazioni di tali termini.

Continua a leggere

Sintomi

Streptococco

Uno dei batteri più comuni, non particolarmente pericoloso, dipende dalle condizioni del paziente. Dalla semplice febbre reumatica alle tonsilliti, dal mal di testa alla polmonite, vediamo lo specchio sintomatologico da streptococco.

Sintomi

Solfoemoglobinemia

Subtitle