La febbre emorragica Crimea-Congo (CCHF) è una malattia molto diffusa causata da un virus (Nairovirus) appartenente alla famiglia Bunyaviridae. La trasmissione avviene attraverso zecche del genere Hyalomma.

La malattia conosciuta come febbre emorragica Crimea-Congo è stata identificata e descritta per la prima volta nel 1944 in Crimea, da cui deriva il nome “febbre emorragica di Crimea”. Tuttavia, il virus responsabile della malattia è stato isolato solo 12 anni dopo, nel 1956, in Congo, ed è stato chiamato “virus del Congo”, da cui deriva l’attuale nome del virus e della malattia. Successivamente, nel 1969, è stato riconosciuto che il patogeno responsabile della febbre emorragica di Crimea era lo stesso virus che causava una malattia identificata nel 1956 in Congo. Il collegamento tra i due toponimi ha portato al nome attuale della malattia e del virus.

Il virus della febbre emorragica Crimea-Congo è un virus a RNA che circola naturalmente tra le zecche e i loro ospiti vertebrati. Si trasmette all’uomo principalmente attraverso il morso di zecche infette o per contatto diretto con il sangue infetto, sia di pazienti in fase acuta che di animali colpiti dall’infezione. Tra gli animali colpiti sono stati riportati casi sia nella fauna domestica che in quella selvatica, tra cui bestiame, cavalli, cani, polli, cammelli, struzzi, suini, lepri, cervi, bufali e rinoceronti. Tuttavia, tra gli uccelli, sono stati segnalati casi solo in faraone e struzzi. È importante notare che anche se un uccello infetto può trasportare una zecca infetta su lunghe distanze, l’uccello stesso potrebbe non essere infettato.

In alcuni casi, sono stati riportati casi di contagio umano legati al consumo di latte non pastorizzato o carne cruda appena macellata. È importante sottolineare che normalmente il virus viene inattivato nella carne attraverso i trattamenti post-macellazione, ma in alcune circostanze eccezionali può essere presente e trasmettersi attraverso il consumo di carne cruda o non adeguatamente trattata.

I focolai di febbre emorragica Crimea-Congo rappresentano una minaccia per i servizi sanitari pubblici a causa del potenziale epidemico, dell’alto tasso di mortalità (10-40%), della possibilità di focolai nosocomiali e delle difficoltà di trattamento e prevenzione. La malattia è endemica in tutta l’Africa, nei Balcani, nel Medio Oriente e nell’Asia al di sotto del 50° parallelo nord, che rappresenta il limite geografico della principale zecca vettore.

La durata del periodo di incubazione dipende dal modo in cui il virus viene acquisito. Dopo l’infezione causata dal morso di una zecca, il periodo di incubazione è di solito compreso tra uno e tre giorni, con un massimo di nove giorni. Il periodo di incubazione successivo al contatto con sangue o tessuti infetti è di solito di cinque o sei giorni, con un massimo di 13 giorni.

Sintomi della CCHF

La febbre emorragica Crimea-Congo (CCHF), conosciuta anche come Febbre Emorragica Crimeana, è una malattia virale trasmessa attraverso il morso di zecche. I sintomi iniziano in modo improvviso con febbre, mialgia (dolore muscolare), vertigini, dolore e rigidità del collo, mal di schiena, mal di testa, bruciore agli occhi e fotofobia (sensibilità alla luce). Nella fase iniziale possono verificarsi anche nausea, vomito, diarrea, dolori addominali e mal di gola, seguiti da sbalzi d’umore e confusione. Dopo due o quattro giorni, l’agitazione può essere sostituita da sonnolenza, depressione e affaticamento. Il dolore addominale può localizzarsi nel quadrante superiore destro, con ingrossamento del fegato.

Altri segni clinici includono tachicardia (aumento del battito cardiaco), linfoadenopatia (ingrossamento dei linfonodi) e una eruzione cutanea petecchiale (eruzione cutanea causata da sanguinamento nella pelle) sulle superfici mucose interne, come bocca e gola, e sulla pelle. Le petecchie possono dare origine a eruzioni più ampie chiamate ecchimosi e ad altri fenomeni emorragici. Di solito sono presenti segni di epatite, e i pazienti gravemente malati possono sviluppare rapidamente deterioramento renale, insufficienza epatica improvvisa o insufficienza polmonare dopo il quinto giorno di malattia.

Il tasso di mortalità della CCHF è di circa il 30%, e la morte di solito si verifica nella seconda settimana di malattia. Nei pazienti che guariscono, il miglioramento di solito inizia il nono o decimo giorno dall’inizio della malattia. La CCHF ha una in realtà una mortalità media che varia molto, partendo dal 10% fino al 40%, a seconda degli studi e del contesto in cui si verifica.

Casi sporadici e focolai della malattia sono stati segnalati in diverse regioni dell’Asia e dell’Africa. In Italia, il virus è stato isolato per la prima volta nel 2017 da una zecca Hyalomma rufipes trovata su un uccello sull’isola di Ventotene, nella provincia di Latina. Secondo alcuni ricercatori, l’Italia è considerata il Paese europeo con il più alto rischio di introduzione e diffusione del virus.

La CCHF è la febbre emorragica virale trasmessa dalle zecche più diffusa al mondo. Si stima che circa tre miliardi di persone siano a rischio di infezione a livello globale e ogni anno si verificano da 10.000 a 15.000 casi di infezione, di cui circa 500 risultano fatali. La malattia è stata segnalata in oltre 30 Paesi in Africa, Asia ed Europa, con infezioni diffuse negli ospedali a causa del contatto diretto con il sangue o i tessuti di pazienti infetti o dispositivi medici sterilizzati in modo improprio, con tassi di mortalità significativi.

Secondo l’OMS, l’infezione è considerata endemica in Africa, nei Balcani, nel Medio Oriente e nell’Asia a sud del 50° parallelo nord. Gli animali selvatici e domestici svolgono un ruolo importante come ospiti per il virus della CCHF, poiché forniscono pasti di sangue alle zecche e possono fungere da serbatoi del virus quando sono infetti. Inoltre, possono trasportare le zecche su lunghe distanze.

A causa del suo potenziale di diffusione, la malattia è costantemente monitorata dagli organismi internazionali, specialmente considerando i cambiamenti climatici che possono favorire non solo l’aumento delle zecche nei Paesi endemici, ma anche modifiche nelle abitudini degli uccelli migratori, potenziali fonti di introduzione in nuove aree. In Europa e nei Paesi limitrofi, sono stati segnalati solo casi sporadici e piccoli focolai in Albania, Bulgaria, Georgia, Grecia, Kosovo, Russia, Spagna, Ucraina e Turchia. La Spagna ha riportato il suo primo caso nel 2016, anche se uno studio retrospettivo ha rivelato che un altro caso si era verificato nel 2013.

La progressione della febbre emorragica Crimea-Congo presenta una sintomatologia molto variabile. La durata del periodo di incubazione varia a seconda della modalità di contagio: dopo la puntura di una zecca, è generalmente compresa tra 1 e 3 giorni (fino a un massimo di 9 giorni), mentre dopo il contatto con sangue o tessuti infetti è compresa tra 5 e 6 giorni (fino a un massimo di 13).

La diagnosi della febbre emorragica Crimea-Congo comprende una serie di esami, tra cui un’anamnesi che tenga conto dei recenti viaggi del paziente, una visita medica e l’analisi di campioni di sangue e tessuti in laboratori specializzati. Sono utilizzati test come l’Elisa (Enzyme-Linked Immunoabsorbent Assay), la rilevazione dell’antigene, la sieroneutralizzazione, la reverse transcriptase polymerase chain reaction (Rt-Pcr) e la coltura cellulare. Tuttavia, questi test presentano un elevato rischio biologico e devono essere condotti in strutture di livello di biosicurezza 4.

L’infezione da virus CCHF può essere diagnosticata attraverso diversi test di laboratorio:

  • saggio ELISA (enzyme-linked immunosorbent assay); rilevazione dell’antigene; neutralizzazione del siero;
  • saggio RT-PCR (reverse transcriptase polymerase chain reaction);
  • isolamento del virus tramite coltura cellulare.

I pazienti con malattia fatale, così come quelli nei primi giorni di malattia, di solito non sviluppano una risposta anticorpale misurabile, quindi la diagnosi in questi individui viene effettuata tramite rilevazione del virus o dell’RNA nel sangue o nei campioni di tessuto.

I test su campioni dei pazienti presentano un rischio estremo di biosicurezza e dovrebbero essere condotti solo in condizioni di massima contenimento biologico. Tuttavia, se i campioni sono stati inattivati (ad esempio, con virucidi, raggi gamma, formaldeide, calore, ecc.), possono essere manipolati in un ambiente di biosicurezza di base.

Terapia CCHF

Attualmente non esiste una terapia per la guarigione dalla febbre emorragica Crimea-Congo. Il trattamento si concentra sul sollievo dei sintomi e, nei casi gravi, sul supporto delle funzioni vitali dell’organismo. I pazienti vengono ricoverati in ospedale, isolati e sottoposti a un rigoroso controllo dell’infezione per prevenire la diffusione della malattia. Viene utilizzato un antivirale chiamato ribavirina, che sembra apportare benefici alla salute dei pazienti.

Non esiste un vaccino disponibile per la febbre emorragica Crimea-Congo, sebbene un vaccino inattivato sia stato utilizzato in passato nell’Europa orientale e nei Paesi dell’ex Unione Sovietica. Pertanto, la prevenzione primaria è di fondamentale importanza per il controllo della malattia.

Per ridurre il rischio di trasmissione da zecche, è consigliabile utilizzare abbigliamento adeguato, repellenti e acaricidi, controllare regolarmente la pelle e gli abiti per individuare eventuali zecche e cercare di eliminare o controllare il rischio di infestazioni negli animali e nell’ambiente circostante. Per ridurre il rischio di trasmissione da animali, è consigliato indossare guanti e abiti protettivi durante il contatto con animali o tessuti animali infetti, nonché garantire una quarantena adeguata degli animali prima del macello o il trattamento con pesticidi. Per ridurre il rischio di trasmissione tra esseri umani, è importante evitare il contatto fisico con pazienti infetti, utilizzare guanti e protezioni durante la cura dei pazienti malati e lavarsi regolarmente le mani dopo la visita e il contatto con i pazienti malati.

Prevenzione e controllo Controllo della CCHF negli animali e nelle zecche

Le zecche del genere Hyalomma sono il principale vettore della febbre emorragica Crimea-Congo. È difficile prevenire o controllare l’infezione da CCHF negli animali e nelle zecche poiché il ciclo zecche-animali-zecche di solito passa inosservato e l’infezione negli animali domestici di solito non è evidente. Inoltre, i vettori delle zecche sono numerosi e diffusi, quindi il controllo delle zecche con acaricidi (sostanze chimiche destinate a uccidere le zecche) è un’opzione realistica solo per strutture di produzione di bestiame ben gestite.

La mappa mostra la distribuzione attualmente conosciuta di Hyalomma marginatum in Europa a livello amministrativo “regionale”, aggiornata a marzo 2023. Sono stati inviati 68 nuovi report rispetto all’aggiornamento precedente (marzo 2022).

Ad esempio, a seguito di un’epidemia in un macello di struzzi in Sudafrica (citato in precedenza), sono state adottate misure per garantire che gli struzzi rimanessero liberi dalle zecche per 14 giorni in una stazione di quarantena prima della macellazione. Ciò ha ridotto il rischio di infezione degli animali durante la macellazione e ha impedito l’infezione umana per coloro che sono venuti a contatto con il bestiame.

Non esistono vaccini disponibili per l’uso negli animali.

Riduzione del rischio di infezione nelle persone

Nonostante sia stato sviluppato e utilizzato su piccola scala un vaccino inattivato derivato dal cervello di topo contro la CCHF nell’Europa orientale, attualmente non esiste un vaccino sicuro ed efficace ampiamente disponibile per l’uso umano.

In assenza di un vaccino, l’unico modo per ridurre l’infezione nelle persone è aumentare la consapevolezza dei fattori di rischio e fornire informazioni sulle misure che possono adottare per ridurre l’esposizione al virus.

I consigli di sanità pubblica dovrebbero concentrarsi su diversi aspetti.

  • Riduzione del rischio di trasmissione zecche-uomo: indossare indumenti protettivi (maniche lunghe, pantaloni lunghi); indossare indumenti di colore chiaro per facilitare il rilevamento delle zecche sugli abiti; utilizzare acaricidi approvati sugli abiti; utilizzare repellenti approvati sulla pelle e sugli abiti; esaminare regolarmente abiti e pelle alla ricerca di zecche e, se trovate, rimuoverle in modo sicuro; cercare di eliminare o controllare le infestazioni di zecche negli animali e negli ambienti stabili e nelle stalle; evitare aree in cui le zecche sono abbondanti e le stagioni in cui sono più attive.
  • Riduzione del rischio di trasmissione animale-uomo: indossare guanti e altri indumenti protettivi durante la manipolazione di animali o dei loro tessuti nelle aree endemiche, in particolare durante la macellazione, la macellazione e le procedure di abbattimento negli allevamenti o a casa; sottoporre gli animali a quarantena prima che entrino negli stabilimenti di macellazione o trattare regolarmente gli animali con pesticidi due settimane prima della macellazione.
  • Riduzione del rischio di trasmissione umano-umano nella comunità: evitare il contatto fisico stretto con persone infette da CCHF; indossare guanti e dispositivi di protezione durante la cura delle persone malate; lavarsi regolarmente le mani dopo aver curato o visitato persone malate.
Controllo dell’infezione in ambienti sanitari

Gli operatori sanitari che si occupano di pazienti con sospetta o confermata CCHF, o che manipolano campioni da loro, dovrebbero attuare precauzioni standard per il controllo delle infezioni. Queste includono l’igiene delle mani di base, l’uso di dispositivi di protezione individuale, pratiche di iniezione sicure e pratiche di sepoltura sicura.

Come misura precauzionale, anche gli operatori sanitari che si occupano di pazienti immediatamente al di fuori dell’area di epidemia di CCHF dovrebbero attuare precauzioni standard per il controllo delle infezioni.

I campioni prelevati da persone con sospetta CCHF dovrebbero essere gestiti da personale addestrato che lavora in laboratori adeguatamente attrezzati. Le raccomandazioni per il controllo delle infezioni durante la cura dei pazienti con sospetta o confermata febbre emorragica Crimea-Congo dovrebbero seguire quelle sviluppate dall’OMS per la febbre emorragica da Ebola e Marburg.

Links esterniSe vuoi saperne un pò di più, leggere qualche articolo scientifico in inglese o delle fonti ufficiali, ti proponiamo degli spunti interessanti.


Ecco come garantire un corretto lavaggio nasale al neonato: l'importanza dell'igiene delle cavità nasali nel neonato.