I corpi mobili, noti anche come miodesopsie o mosche volanti, rappresentano un fenomeno visivo in cui compaiono punti, filamenti o sfere semitrasparenti che sembrano muoversi all’interno del campo visivo. Questi corpi mobili vengono percepiti come oggetti in movimento, sebbene in realtà si trovino all’interno dell’occhio stesso.

Sono più evidenti quando si guarda una superficie uniforme, come un cielo luminoso o una parete bianca, e diventano particolarmente visibili durante i movimenti oculari o lo spostamento dello sguardo. Questo fenomeno è causato dalla presenza di piccole particelle sospese nel corpo vitreo, una sostanza gelatinosa che riempie lo spazio tra la retina e il cristallino dell’occhio.

Le particelle che costituiscono i corpi mobili possono essere depositi di proteine, detriti cellulari o aggregati di collagene. Con l’avanzare dell’età, diventa più comune riscontrare la presenza di corpi mobili poiché il corpo vitreo tende a degenerare e ad assumere una consistenza più liquida, consentendo alle particelle di muoversi liberamente.

Di solito, i corpi mobili non causano problemi significativi alla vista e vengono considerati un processo normale di invecchiamento dell’occhio. Tuttavia, in alcuni casi possono essere fastidiosi o influire sulla qualità della visione, soprattutto se sono numerosi o persistenti.

Se si verificano improvvisi cambiamenti nei corpi mobili, come un aumento improvviso del numero, la comparsa di flash luminosi o una riduzione improvvisa della vista, potrebbe essere indicativo di un problema oculare più serio, come un distacco della retina. In tali situazioni, è consigliabile consultare un oculista per una valutazione accurata e un eventuale trattamento.

In generale, i corpi mobili vengono considerati una condizione benigna e non richiedono un trattamento specifico. Tuttavia, se causano notevoli disturbi o interferiscono con le attività quotidiane, è possibile discutere con un oculista delle possibili opzioni di gestione, come interventi chirurgici o terapie laser mirate a ridurre o eliminare i corpi mobili.

È importante sottolineare che le miodesopsie, o corpi mobili, possono essere accompagnate da altri sintomi come la vista annebbiata, la comparsa di flash luminosi e la vista offuscata. Questi sintomi possono variare in base alla causa sottostante delle miodesopsie. Una diagnosi accurata richiede un’attenta anamnesi e una valutazione completa dell’occhio da parte di un oculista. Al momento, non esiste una cura farmacologica definitiva per le miodesopsie, ma possono essere adottati rimedi naturali come l’idratazione adeguata e uno stile di vita sano.

In alcuni casi selezionati, la vitreolisi con laser yag potrebbe essere considerata come opzione terapeutica per ridurre o eliminare i corpi mobili. Tuttavia, è una procedura non priva di possibili complicanze e deve essere valutata attentamente dall’oculista. Altre opzioni terapeutiche invasive includono la vitrectomia, ma vengono eseguite solo in casi selezionati.

I corpi mobili rappresentano un fenomeno visivo comune che può essere causato dall’invecchiamento del corpo vitreo. Sebbene di solito siano innocui, possono essere fastidiosi. Un’adeguata valutazione e una corretta gestione da parte di un oculista possono aiutare a gestire i sintomi e a garantire la migliore qualità della vista possibile.

Malattie associate ai corpi mobili nell’occhio

Le malattie che possono essere associate ai corpi mobili, sebbene nella maggior parte dei casi non siano considerati una patologia, sono diverse e comprendono:

  • Cataratta: una condizione in cui il cristallino dell’occhio diventa opaco, causando una visione offuscata.
  • Distacco di retina: una situazione in cui la retina si separa dalla sua posizione normale all’interno dell’occhio, compromettendo la visione.
  • Emicrania: un tipo di mal di testa caratterizzato da episodi ricorrenti di dolore intenso, spesso associato ad altri sintomi visivi.
  • Neurite ottica: un’infiammazione del nervo ottico, che può causare perdita temporanea o permanente della visione.
  • Retinoblastoma: un tumore maligno che si sviluppa nella retina, principalmente nei bambini.
  • Retinopatia diabetica: una complicanza del diabete che colpisce i vasi sanguigni della retina, causando danni alla vista.

È importante sottolineare che questo elenco non è esaustivo e in caso di persistenza del disturbo è consigliabile consultare un medico per una valutazione accurata.

Per quanto riguarda i rimedi contro i corpi mobili, in generale si consiglia di condurre uno stile di vita sano, basato su un’alimentazione equilibrata ricca di vitamine, sali minerali, frutta e verdura. Bere molta acqua, soprattutto durante i mesi più caldi, è particolarmente importante. Attualmente non esiste una cura farmacologica per eliminare completamente il disturbo dei corpi mobili. Tuttavia, è consigliabile che il paziente cerchi di concentrarsi sull’immagine che sta guardando anziché sulle mosche volanti, permettendo al cervello di adattarsi alla loro presenza ed eliminare, almeno dal punto di vista visivo, il disturbo.



Ecco come garantire un corretto lavaggio nasale al neonato: l'importanza dell'igiene delle cavità nasali nel neonato.