L’afonia è un disturbo caratterizzato dalla perdita totale o parziale della voce. Può essere causata da una varietà di fattori, tra cui lesioni o infiammazioni alle corde vocali, paralisi delle corde vocali, uso eccessivo o abuso della voce, patologie delle vie respiratorie superiori e problemi psicologici. I sintomi dell’afonia includono l’incapacità di produrre suoni vocali o una voce debole, soffocata o rauca.

È importante sottolineare che l’afonia può essere un sintomo di diverse malattie, tra cui faringite, laringite, morbo di Parkinson, tumori della laringe e altre condizioni. In alcuni casi, l’afonia può essere associata a patologie rare come l’alcolismo, la difterite, l’influenza, il reflusso gastroesofageo, le sindromi parainfluenzali, la tonsillite o il tumore della tiroide. La diagnosi e il trattamento adeguati sono fondamentali per gestire l’afonia e trattare la causa sottostante.

Cause dell’afonia

Sebbene l’afonia causata da infiammazioni semplici, come l’influenza, tenda a risolversi spontaneamente, è consigliabile consultare uno specialista (otorinolaringoiatra) se persiste per più di due settimane senza una causa infiammatoria evidente.

È opportuno consultare un medico anche se si verifica:

  • Interruzioni dell’afonia con voce rauca, stridula o improvvisamente più profonda.
  • Sensazione di gola secca e dolorante.
  • Bisogno frequente di schiarirsi la gola.
  • Afonia accompagnata da mal d’orecchio persistente, perdita di peso o appetito inspiegabile, tosse con sangue o ingrossamento dei linfonodi.

In questi casi, potrebbe esserci una condizione più grave come noduli, verruche, polipi o tumori alla laringe, soprattutto se il paziente è un fumatore.

La diagnosi dell’afonia comprende una visita specialistica otorinolaringoiatrica per valutare la durata e la gravità del problema, i sintomi associati, la storia medica del paziente (compresi allergie respiratorie, uso di farmaci, disturbi gastrointestinali, interventi pregressi) e le abitudini di vita e professionali (esposizione ad agenti irritanti, consumo di alcol o tabacco). Sono disponibili diverse tecniche diagnostiche, come la fibrolaringoscopia o la videostroboscopia, che permettono di esaminare le prime vie aeree e individuare eventuali lesioni o alterazioni della laringe. In alcuni casi, possono essere eseguiti anche test elettroacustici della voce o elettromiografia laringea.

Il medico può quindi procedere con una semplice esplorazione della gola, utilizzando uno specchietto rigido e circolare inserito in bocca, o una laringoscopia per osservare le corde vocali e il loro movimento durante la vibrazione. In base ai risultati ottenuti, possono essere effettuati test più specifici, come l’elettromiografia laringea per misurare le correnti elettriche dei muscoli laringei.

Il trattamento dell’afonia dipende dalla causa sottostante e, se il problema persiste per più di due o tre giorni, è consigliabile consultare un medico per una diagnosi precisa e una terapia mirata. Gli antibiotici o i farmaci antinfiammatori possono essere prescritti in caso di infezioni delle vie respiratorie. Altrimenti, la cura della malattia di base o la rimozione dell’agente scatenante possono portare al miglioramento o alla risoluzione dei sintomi. Può includere riposo vocale, terapia vocale, farmaci per ridurre l’infiammazione o la tensione delle corde vocali, interventi chirurgici o altre terapie specifiche.

Come curare l’afonia

Indipendentemente dalla causa, alcune misure possono favorire la guarigione:

  • Riposo, soprattutto della voce, per favorire la guarigione.
  • Mantenere la gola al caldo e evitare sbalzi di temperatura eccessivi.
  • Mantenersi idratati con l’assunzione di abbondanti liquidi.
  • Fare gargarismi con una soluzione di sale all’8% o sciacqui con succo di limone ed aceto.
  • Seguire una dieta adeguata per evitare problemi gastrointestinali correlati alla gastrite, limitando l’assunzione di caffè, cioccolato, agrumi, pomodoro, alcol e cibi che aumentano l’acidità di stomaco.

In campo fitoterapico, sono state riportate indicazioni sull’uso di malva, camomilla, salvia, sedano e agrimonia per alleviare l’afonia.

Per prevenire e risolvere l’afonia, si consiglia inoltre di apportare le seguenti modifiche allo stile di vita:

  • Evitare di sforzare prolungatamente la voce e imparare a modulare la voce utilizzando principalmente i muscoli del diaframma e limitando l’uso dei muscoli della gola per evitare irritazioni eccessive delle corde vocali.
  • Evitare di consumare cibi o bevande che possono causare un’improvvisa afonia, in particolare gelati e bevande molto fredde, che è meglio tenere qualche secondo in bocca prima di deglutire.
  • Coprire adeguatamente la gola durante le stagioni più fredde.


Ecco come garantire un corretto lavaggio nasale al neonato: l'importanza dell'igiene delle cavità nasali nel neonato.