Un’emergenza seria: Il Colpo di Calore e le Sue Pericolose Implicazioni rappresentano un pericolo per la salute. Il colpo di calore rappresenta una situazione critica in cui l’organismo umano raggiunge una temperatura corporea superiore ai 40° centigradi. Di fronte a questa condizione, è fondamentale agire prontamente, sia contattando immediatamente un medico, sia prendendo provvedimenti per ridurre la temperatura corporea.

La durata dell’insolazione può variare notevolmente. Se il colpo di sole viene trattato tempestivamente, alcuni sintomi possono risolversi in poche ore, come il mal di testa, le vertigini, la febbre e i brividi, mentre altri possono persistere per alcuni giorni, come le scottature o l’eritema solare.

Colpo di calore

Colpo di calore, in estate è il pericolo numero uno, soprattuto se facciamo attività fisica all’aperto nelle ore più calde

È essenziale non sottovalutare i colpi di calore e conoscere le migliori strategie preventive per evitarli. Il colpo di calore è un’emergenza medica che può essere pericolosa per la vita. In questa condizione, il corpo perde la capacità di regolare la temperatura, che può salire a oltre 41,1 °C, causando danni al cervello e, se non trattato tempestivamente, può portare persino alla morte. È necessaria un’assistenza medica intensiva e urgente per controllare e abbassare la temperatura corporea. I bambini, in particolare, sono a rischio di colpo di calore se indossano abiti troppo pesanti o svolgono attività fisica intensa in giornate molto calde e non bevono abbastanza liquidi.

Cause e Rischi del colpo di calore

Il nostro corpo normalmente disperde il calore prodotto durante le attività vitali; tuttavia, se questi complessi meccanismi di termoregolazione non funzionano correttamente, l’organismo può surriscaldarsi. Questa condizione può verificarsi a qualsiasi età, ma rappresenta un pericolo maggiore per i bambini e gli anziani sopra i 65 anni.

Il colpo di calore, se non trattato tempestivamente, può provocare complicazioni a vari organi, tra cui il cuore, i reni, i muscoli e anche il cervello. In casi di shock dovuto a un improvviso calo della pressione arteriosa, la conseguenza può essere la morte del paziente.

Il colpo di calore può essere causato sia da temperature esterne particolarmente elevate e clima umido (rischi maggiori per anziani e persone con patologie croniche), sia dall’attività fisica intensa svolta in ambienti caldi e umidi, dove il calore corporeo generato dall’esercizio non riesce a dissiparsi adeguatamente.

Sintomi del Colpo di Calore

Un sintomo principale del colpo di calore è una temperatura corporea oltre i 40° centigradi. Altri possibili sintomi includono nausea, vomito, arrossamento cutaneo, respirazione accelerata o tachicardia, mal di testa, mancanza di sudorazione, crampi e debolezza muscolare, e confusione. In casi più gravi, il paziente potrebbe perdere conoscenza. Per evitare gli effetti più gravi del colpo di sole, è fondamentale riconoscere i primi segnali di allarme (o riconoscerli in chi ci circonda). Tipicamente, la persona colpita da insolazione si sente confusa e lamenta un forte mal di testa. Allo stesso tempo, possono manifestarsi irrequietezza, malessere, battito cardiaco accelerato, pelle calda al tatto, sudorazione eccessiva e vertigini.

Prevenire l’insolazione

Per prevenire il colpo di sole nelle ore più calde della giornata:

  • Evitare di rimanere esposti al sole per troppo tempo.
  • Soggiornare in luoghi freschi e ben ventilati, utilizzando ventilatori o condizionatori se necessario.
  • Indossare abiti leggeri e di colore chiaro, preferibilmente in fibre naturali come il lino e il cotone, che permettano una buona traspirazione.
  • Raffreddare il corpo con bagni e docce tiepide, evitando quelli freddi.
  • Proteggere la testa con un cappello dotato di visiera e indossare occhiali da sole.
  • Bere frequentemente durante la giornata almeno due litri di acqua.
  • Consumare cibi ricchi di acqua, come frutta di stagione e verdura fresca.
  • Evitare di assumere alcolici, cibi o bevande molto fredde.
  • Mantenere freschi la fronte e i polsi, bagnandoli spesso con acqua fresca.
  • Evitare sforzi fisici eccessivi.
  • Esporre la pelle al sole gradualmente, evitando le ore centrali del giorno (11-16) e proteggendola con creme solari, ripetendo l’applicazione ogni due ore circa.

L’adattamento dell’organismo al clima può essere migliorato attraverso l’allenamento della sudorazione. Studi hanno dimostrato che abituarsi a fare attività fisica all’aperto nel tempo porta a una diminuzione delle perdite di sali minerali con il sudore e a un aumento della quantità di sudore prodotto. Ad esempio, reclute dell’esercito americano in addestramento nel deserto del Nevada possono perdere più di 10 litri di liquidi, compreso il sudore, in 24 ore.

Colpo di calore

I sintomi del colpo di calore richiedono una diagnosi immediata, anche se in casi meno gravi potrebbero essere necessari ulteriori esami, come analisi del sangue per valutare gli ematocriti e gli elettroliti, controllare la funzionalità renale e escludere danni muscolari, e un esame delle urine per valutare il funzionamento dei reni.

La diagnosi del colpo di calore si basa principalmente sui sintomi. In casi lievi, il medico potrebbe prescrivere esami del sangue per valutare gli elettroliti e la funzionalità renale e muscolare, oltre a esami delle urine, generalmente più scure in caso di colpo di calore, che aiutano a valutare la funzionalità renale.

Le azioni da intraprendere in caso di colpo di sole dipendono dall’intensità dell’evento. Se la persona colpita da insolazione avverte mal di testa e spossatezza, è possibile adottare alcune misure di primo soccorso, come portarla in un luogo fresco, farla sdraiare e applicare spugnature con acqua fresca, non gelata. Se la persona perde conoscenza, è necessario prestare immediatamente i primi soccorsi e chiamare il numero di emergenza 118.

In caso di sospetto colpo di calore, è fondamentale cercare immediatamente l’assistenza medica. In attesa del medico, bisogna cercare di abbassare la temperatura corporea del soggetto:

  • Spostandolo all’ombra e rimuovendo eventuali indumenti in eccesso.
  • Applicando impacchi freddi sulla testa, sul collo, sotto le ascelle e nell’area inguinale.
  • Vaporizzando, se possibile, acqua sul corpo per facilitare l’abbassamento della temperatura cutanea tramite evaporazione.

Il personale medico potrebbe poi utilizzare altre tecniche, come l’immersione in acqua fredda, l’uso di acqua vaporizzata o il raffreddamento del paziente con ghiaccio o coperte refrigeranti.

In situazioni di caldo estremo, può verificarsi uno stress da calore che può portare a gravi conseguenze sulla salute. L’esposizione al calore mette il cuore sotto sforzo, aumentando il rischio di colpo di calore se la temperatura corporea interna non è adeguatamente regolata dal sistema cardiovascolare. Questo sforzo cardiaco può essere pericoloso per le persone anziane o con problemi cardiaci preesistenti.


Ecco come garantire un corretto lavaggio nasale al neonato: l'importanza dell'igiene delle cavità nasali nel neonato.